VALBELLUNA: UNA REALTÀ GIOVANE E SOSTENIBILE


Il valido esempio di Enrica Balzan, che punta alla conversione biologica per favorire la permanenza dei giovani in agricoltura
  • Beneficiario: Enrica Balzan
  • Area geografica: Mel, BL, Italia
  • Misura: 121 - Ammodernamento delle aziende agricole
  • Tipo d'intervento: 121 PGB - Ammodernamento delle aziende agricole per i giovani neo insediati
  • Importo Finanziato: € 8.274,60 (Investimento complessivo: € 13.791,00)

L’azienda agricola Enrica Balzan produce orticole, soprattutto prodotti tipici della Valbelluna (fagiolo gialét Presidio Slow Food, fagiolo bala rossa, zucca santa bellunese). Con l’aiuto ricevuto, la proprietaria è riuscita ad ammodernare la propria azienda ortofrutticola in conversione biologica attraverso l’acquisto di una cella frigo per le colture orticole e altra strumentazione utile.

VIDEO INTERVISTA

Sono convinta che l’agricoltura biologica sia il minimo che ogni agricoltore dovrebbe fare per tutelare il territorio in cui viviamo e lavoriamo.

@Enrica Balzan

INTERVENTO FINANZIATO

Fare agricoltura nelle zone di montagna è una vera impresa per tutti, soprattutto per i giovani e le donne. Difficoltà logistiche, frammentazione degli appezzamenti e impossibilità o quasi di meccanizzare i processi rendono molto spesso le produzioni poco remunerative.

Per superare queste difficoltà Enrica Balzan ha deciso di ammodernare la propria azienda, per renderla più competitiva e redditizia. Con il contributo ricevuto ha potuto acquistare una cella frigorifera per le colture orticole, che rappresentano una importante voce del bilancio della sua azienda. L’azienda, inoltre, ha beneficiato anche dell’aiuto della Misura 112 con il quale ha potuto acquistare materiali, reti, piante per la messa a dimora del meleto.

IL TERRITORIO

Intervento

Immersa nella splendida vallata della Valbelluna, Mel ha centro storico ricco di chiese e palazzi nobiliari, viuzze e scorci preziosi. L’economia di questo territorio è sostenuta da diversi settori: diffusi distretti industriali, specialmente nel campo della refrigerazione e dell’occhiale, ma anche importanti aziende nel campo alimentare, come quella casearia della Lattebusche o legate alla produzione di birra come la Pedavena.

La valle per le sue caratteristiche morfologiche, ampia e soleggiata, offre da sempre un’ottima superficie da coltivare. L’attuale agricoltura è specializzata nella produzione di prodotti locali e molto spesso tutelati come il Fagiolo di Lamon della Vallata Bellunese, il Fagiolo Gialét, il Mais Sponcio, o la produzione di Miele delle Dolomiti Bellunesi.

Altro settore non trascurabile è quello del turismo, sia invernale legato agli impianti di risalita del Nevegal e di Passo Croce d’Aune, ma anche a quello estivo e sportivo, diffuso in tutta la valle.

VALORE AGGIUNTO DEI FONDI EUROPEI DEL PSR

Europa

Nuove proposte di produzione per spingere i giovani a restare

L’operazione finanziata dal PSR, realizzata con successo dall’azienda in un settore produttivo poco sfruttato per la provincia bellunese,rappresenta un valido esempio per favorire la permanenza dei giovani nei territori montani.

GALLERIA FOTOGRAFICA


PSR Veneto 2014-2020