29 Gennaio 2019

Imprese agroalimentari: dal PSR 20 milioni per investimenti in trasformazione e commercializzazione

Il bando sostiene gli investimenti materiali delle imprese agroalimentari per la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli (Allegato I al Trattato di Funzionamento della UE), esclusi i prodotti della pesca.

Tipo intervento 4.2.1 – Investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli

Gli investimenti sono finalizzati a favorire l’integrazione verticale e orizzontale di filiera; migliorare gli aspetti tecnologici in funzione di una competitività rivolta al mercato globale; promuovere la qualificazione delle produzioni; aumentare il valore aggiunto delle produzioni.

I settori produttivi per i quali è previsto l’intervento sono:

  • Zootecnico (latte vaccino, carni bovine, suine, avicole e uova);
  • Ortofrutticolo (colture comprese nella OCM Ortofrutta e patate);
  • Grandi colture (mais, frumento, soia, orzo, girasole, tabacco, bietola da zucchero);
  • Settori minori (olio d’oliva; riso, produzioni di nicchia, cereali e oleoproteginose minori, sementi, piante da fibra, piante officinali, allevamento minori, conigli altre produzioni minori non ricomprese).

Beneficiari: imprese agroalimentari che svolgono attività di trasformazione e commercializzazione; Microimprese e PMI (Raccomandazione 2003/361/CE); imprese Intermedie (con meno di 750 occupati oppure con un fatturato inferiore ai 200 milioni di euro); grandi imprese.

Spese ammissibili: costruzione, acquisto, ammodernamento di immobili per la lavorazione, condizionamento, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione di prodotti agricoli; acquisto di terreni non edificati purché sussista un nesso diretto tra l’acquisto e gli obiettivi dell’operazione cofinanziata; acquisto di macchine e attrezzature nuove, compresi i mezzi di trasporto specialistici in grado di mantenere la catena del freddo durante il trasporto della materia prima o del prodotto finito; acquisto di hardware e software dedicati ai processi produttivi; spese generali previste dagli Indirizzi procedurali generali del PSR (ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità).

Scadenza: 28 marzo 2019

Importo a bando: 20 milioni di euro (1,5 milioni per i settori minori; 1 milione micro e piccole imprese zootecniche ubicate in zona montana; 3,5 milioni per il settore ortofrutticolo; 3,7 milioni per il settore grandi colture (mais, frumento, soia, orzo, girasole, tabacco, bietola da zucchero); euro 10,3 milioni per il settore zootecnico (latte vaccino, carni bovine, suine, avicole e uova).

Tipo sostegno, importi, aliquote: intensità dell’aiuto: 40% della spesa ammissibile per le microimprese ubicate in zona montana; 30% della spesa ammissibile per le PMI; 20% della spesa ammissibile per le imprese intermedie (imprese che occupano meno di 750 persone o il cui fatturato annuo non supera i 200 milioni di euro); 10% della spesa ammissibile per le grandi aziende.


PSR Veneto 2014-2020