Bandi aperti – PSR Veneto

Le informazioni principali sui bandi aperti e sui finanziamenti del programma a sostegno dello sviluppo rurale e del settore agricolo della Regione del Veneto.

Il bando è un provvedimento amministrativo che apre i termini per partecipare a un regime di sostegno previsto nel Programma di Sviluppo Rurale.

Per accedere al sostegno del PSR Veneto è necessario presentare la propria domanda di aiuto entro i termini previsti dai bandi che vengono approvati dalla Regione del Veneto.

In questa sezione è possibile consultare le principali informazioni sui bandi più recenti approvati nel quadro della programmazione 2014-2020 a sostegno dello sviluppo rurale.

 

Le informazioni presenti in queste pagine hanno scopo esclusivamente divulgativo.

I testi ufficiali e completi dei bandi sono contenuti nel provvedimento pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto.

I testi dei bandi, suddivisi per misure e tipi d’intervento allo scopo di renderne più funzionale la ricerca e la consultazione, vengono proposti anche nell’area Sviluppo Rurale del portale regionale.

 

Cerca tra i bandi:

Bandi aperti

Investimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - ATTREZZATURE

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n.770 del 29 giugno 2022

Apri
TitoloInvestimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - ATTREZZATURE
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
ProvvedimentoDGR n.770 del 29 giugno 2022
Data di pubblicazione01/07/2022
Data di scadenza29/10/2022
Risorse a bando1.500.000 di euro (Risorse nazionali)
DescrizioneIl tipo di intervento concorre alle misure straordinarie attivate dalla Regione del Veneto con DGR n. 238/2021 mediante interventi di tipo dotazionale per favorire il miglioramento della qualità dell’aria e il contrasto dell’inquinamento atmosferico in attuazione degli impegni presi con lo Stato nell'ambito dell'Accordo di Bacino Padano.
Beneficiari• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e allevamento di animali.
Importi e aliquoteI contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:
- in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
- in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.
Interventi ammissibili• Acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione), in particolare attrezzature per la distribuzione e l’interramento degli effluenti non palabili:
- Spandiliquame trainato (carrobotte) con interratori
- Spandiliquame semoventi con interratori
- Sistemi ombelicali atti all’interramento
- Attrezzature portate atte all’interramento degli effluenti non palabili.

• Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a 3 anni per investimenti produttivi di natura dotazionale o attrezzature, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali del PSR.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=480116

Investimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - STRUTTURE

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n. 769 del 29 giugno 2022

Apri
TitoloInvestimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - STRUTTURE
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
ProvvedimentoDGR n. 769 del 29 giugno 2022
Data di pubblicazione01/07/2022
Data di scadenza29/10/2022
Risorse a bando18.000.000 di euro
DescrizioneIl tipo di intervento concorre alle misure straordinarie attivate dalla Regione del Veneto con DGR n. 238/2021 mediante interventi di tipo strutturale per favorire il miglioramento della qualità dell’aria e contrastare l'inquinamento atmosferico in attuazione degli impegni presi con lo Stato nell'ambito dell'Accordo di Bacino Padano.
Beneficiari• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e allevamento di animali.
Importi e aliquoteI contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:
- in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
- in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.
Interventi ammissibili• Investimenti strutturali ed impianti per lo stoccaggio, il trattamento e la gestione dei residui agricoli e dei reflui aziendali comprese le strutture realizzate con tecnologie volte alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, in particolare:
- interventi finalizzati alla copertura delle vasche esistenti per effluenti non palabili con strutture impermeabili alla pioggia, rigide o flessibili
- costruzione e ristrutturazione di vasche per la raccolta degli effluenti non palabili per consentire una maggiore capacità di stoccaggio rispetto ai limiti minimi imposti dalla normativa vigente
- acquisto di serbatoi flessibili autoportanti in materiale plastomerico/elastomerico(sacconi), comprese le opere necessarie per l’installazione, in sostituzione delle strutture di stoccaggio esistenti, oppure finalizzati a creare volumi di stoccaggio aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalla normativa vigente
- acquisto e installazione di impianti di separazione solido/liquido e relative
opere di collegamento, in abbinata agli interventi di cui ai tre punti precedenti


• Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali del PSR di durata pari a 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=480115

Ripristino di danni alle foreste

Misura 8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste

Tipo intervento 8.4.1 – Risanamento e ripristino delle foreste danneggiate da calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie ed eventi climatici

Bando DGR n. 769 del 29 giugno 2022 (testo modificato con DGR n.1001 del 9 agosto 2022)

Apri
TitoloRipristino di danni alle foreste
Misura8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste
Tipo intervento8.4.1 – Risanamento e ripristino delle foreste danneggiate da calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie ed eventi climatici
ProvvedimentoDGR n. 769 del 29 giugno 2022 (testo modificato con DGR n.1001 del 9 agosto 2022)
Data di pubblicazione01/07/2022
Data di scadenza29/10/2022
Risorse a bando4.000.000 euro
DescrizioneL’intervento sostiene le attività finalizzate al ripristino dei danni biotici e abiotici delle foreste, in particolare:
• Ripristino del potenziale forestale compromesso da danni di origine biotica o abiotica;
• Stabilizzazione/recupero di aree forestali in cui si sono verificati fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, smottamenti, erosioni superficiali).
Non sono ricompresi gli investimenti legati a danni da incendi boschivi.
Beneficiari• Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così definiti:

• Soggetti privati
• Associazioni o Consorzi di privati
• Regole
• Comuni
• Associazioni di Comuni
• Unioni Montane/Comunità Montane
• Associazioni miste privati/Comuni
• Altre Amministrazioni pubbliche, di cui al decreto legislativo 30/03/2001, n. 165.

Sono considerati equiparati ai proprietari i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari al 90% della spesa ammissibile.
La spesa sarà determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.
Interventi ammissibiliInterventi dedicati al ripristino delle foreste attaccate da bostrico tipografo (Ips typographus):
- investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate a causa di attacchi da bostrico tipografo
- rinfoltimento e reimpianto di popolamenti attaccati da bostrico tipografo


Interventi di ripristino delle foreste:
- ripristino del potenziale forestale compromesso da danni di origine biotica o abiotica
- investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate volti all’allontanamento e taglio di piante morte o irrimediabilmente compromesse, o parti di esse, a causa di eventi biotici (problematiche fitosanitarie) o abiotici (schianti da vento/neve, ecc.)
- rinfoltimento e reimpianto di popolamenti abbattuti a causa di eventi biotici o abiotici (utilizzando, tra le specie autoctone, quelle che risultano essere più adatte ad affrontare la causa specifica del danno)

Stabilizzazione/recupero di aree forestali in cui si sono verificati fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, smottamenti, erosioni superficiali, ecc) anche con tecniche di ingegneria naturalistica:
- investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate da fenomeni di dissesto idrogeologico volti all’allontanamento e taglio di piante morte o irrimediabilmente compromesse, o parti di esse
- rinfoltimento e reimpianto di popolamenti abbattuti da fenomeni di dissesto idrogeologico (utilizzando, tra le specie autoctone, quelle che risultano essere più adatte ad affrontare la causa specifica del danno)
- scoronamento e conguaglio del terreno
- opere di captazione e drenaggio acque superficiali
- investimenti di consolidamento del versante danneggiato da fenomeni di dissesto idrogeologico con tecniche di ingegneria naturalistica (ad esempio: muri di sostegno, palizzate, arce, fascinate, viminate, inerbimenti, ecc)
- investimenti per il ripristino, delle opere e manufatti esistenti al servizio dei boschi (rif. DGR 2224/2011), per la sola parte danneggiata da fenomeni di dissesto idrogeologico

Gli interventi, possono essere attuati tramite l’esecuzione di uno o più investimenti specifici.

ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a 3 anni, secondo quanto previsto dagli Indirizzi Procedurali Generali del PSR per gli investimenti non produttivi.

Nel soprassuolo oggetto di intervento, una volta ultimato il periodo vincolativo, sono ammessi ulteriori successivi interventi selvicolturali ordinari.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/13620046/TC+841+dgr+1011/32b8fd2a-5b35-40c2-b138-03d89c63b6a7

Investimenti selvicolturali straordinari

Misura 8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste

Tipo intervento 8.5.1 – Investimenti per aumentare la resilienza, il pregio ambientale e il potenziale di mitigazione delle foreste

Bando DGR n. 769 del 29 giugno 2022 (testo modificato con DGR n.1001 del 9 agosto 2022)

Apri
TitoloInvestimenti selvicolturali straordinari
Misura8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste
Tipo intervento8.5.1 – Investimenti per aumentare la resilienza, il pregio ambientale e il potenziale di mitigazione delle foreste
ProvvedimentoDGR n. 769 del 29 giugno 2022 (testo modificato con DGR n.1001 del 9 agosto 2022)
Data di pubblicazione01/07/2022
Data di scadenza29/10/2022
Risorse a bando3.500.000 euro
DescrizioneL’intervento finanzia investimenti selvicolturali di natura straordinaria, finalizzati ad aumentare la resilienza, il pregio ambientale e il potenziale di mitigazione delle foreste, attraverso la diversificazione della composizione, della struttura e della forma di governo.

Gli investimenti possono riguardare l’esecuzione di interventi straordinari quali: cure colturali, diradamenti e riceppatura, avviamento ad alto fusto, rinaturalizzazione di formazioni forestali, recupero di soggetti arborei anche singoli e di formazioni degradate, rinfoltimento con l’uso, tra le specie autoctone, di quelle che risultano essere più adatte all’area forestale oggetto di investimento.
BeneficiariSoggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così delineati:
Soggetti privati
Associazioni o consorzi privati
Regole
Comuni
Associazioni di Comuni
Unioni Montane /Comunità Montane, esclusivamente se gestori di aree forestali per conto dei Comuni
Associazioni miste privati/Comuni

Sono considerati equiparati ai proprietari: i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari all’80% della spesa ammessa.
La spesa massima ammissibile è pari a 7.600,00 €/ha.

Nel caso di investimenti di recupero di soggetti vulnerabili anche singoli la spesa massima ammissibile è di 12.000,00 €/ha.

La spesa massima ammissibile di 12.000,00 €/ha si applica solo nel caso in cui l’intervento consista nell’esclusivo recupero di soggetti vulnerabili; nel caso in cui sulla medesima superficie si effettuino interventi misti (es. recupero di soggetti vulnerabili associati ad altri interventi come cure colturali, ecc.) la spesa massima ammissibile è fissata in 7.600,00 €/ha.

La spesa deve essere determinata sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.
Interventi ammissibiliSono ammissibili i seguenti investimenti finalizzati all’aumento della resilienza:
• cure colturali;
• rinfoltimento con l’uso, tra le specie autoctone, di quelle che risultano essere più adatte all’area forestale oggetto di investimento;
• recupero di soggetti vulnerabili, come definiti all’allegato 11.1, anche singoli e delle formazioni degradate.

Sono ammissibili i seguenti investimenti finalizzati all’aumento del pregio ambientale:
• rinaturalizzazione di formazioni forestali.

Sono ammissibili i seguenti investimenti finalizzati all’aumento del potenziale di mitigazione delle foreste:
• avviamento ad alto fusto dei cedui;
• normalizzazione della composizione del bosco;
• diradamenti;
• riceppature.

Gli interventi possono essere attuati tramite l’esecuzione di uno o più investimenti.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione di durata pari a 3 anni, secondo quanto previsto dagli Indirizzi Procedurali Generali del PSR per gli investimenti non produttivi.

Nel soprassuolo oggetto di intervento, una volta ultimato il periodo vincolativo, sono ammessi ulteriori successivi interventi selvicolturali ordinari.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/13620046/TC+851+dgr+1001/efdab1f3-b7d6-44ae-bf49-fa29827b9821

Investimenti in tecnologie innovative per la lavorazione di biomasse forestali ad uso energetico

Misura 8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste

Tipo intervento 8.6.1 – Investimenti in tecnologie forestali e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti forestali (Focus Area 5C)

Bando DGR n. 769 del 29 giugno 2022 (testo modificato con DGR n.1001 del 9 agosto 2022)

Apri
TitoloInvestimenti in tecnologie innovative per la lavorazione di biomasse forestali ad uso energetico
Misura8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste
Tipo intervento8.6.1 – Investimenti in tecnologie forestali e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti forestali (Focus Area 5C)
ProvvedimentoDGR n. 769 del 29 giugno 2022 (testo modificato con DGR n.1001 del 9 agosto 2022)
Data di pubblicazione01/07/2022
Data di scadenza29/09/2022
Risorse a bando2.200.000 euro
DescrizioneL’intervento sostiene l’acquisto di attrezzature e macchinari forestali per l’utilizzo di biomasse forestali, la realizzazione di strutture e di impianti di lavorazione, trasformazione, commercializzazione, immagazzinamento delle biomasse forestali.
Beneficiari• Micro, piccole e medie Imprese (PMI) definite ai sensi dell’allegato I del regolamento (UE) n.702/2014 della Commissione.

• Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così delineati:
- Soggetti privati
- Associazioni o consorzi privati
- Regole
- Comuni
- Associazioni di Comuni
- Unioni Montane /Comunità Montane, esclusivamente se gestori di aree forestali per conto dei Comuni
- Associazioni miste privati/Comuni.

Sono considerati equiparati ai proprietari: i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari al 40% della spesa ammissibile.
La spesa deve essere determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.
Interventi ammissibili• Acquisto di macchine, attrezzature, mezzi dedicati a:
trattamento e trasformazione della biomassa forestale da destinare a fini energetici (es. segaspacca,cippatrici, macinatori, ecc.),
trasporto in conto proprio, prevalentemente della biomassa forestale
lavorazione in azienda delle biomasse,
trattamento biomasse a scopo energetico (esempio: pellet, cippato, bricchetti, ecc.).

• Acquisto di impianti fissi ed investimenti immateriali collegati all’uso di tali macchine

• Creazione e ristrutturazione straordinaria di piazzole attrezzate per lo stoccaggio del materiale legnoso, nonché piazzali di deposito e ricovero per legname e mezzi produttivi presso l’azienda, compreso l’acquisto e l’installazione di essiccatoi per la stagionatura e la conservazione prevalentemente della biomassa forestale ad uso energetico.

• Costruzione, acquisto e ammodernamento di immobili prevalentemente destinati alla lavorazione delle biomasse forestali ad uso energetico, purché sussista un nesso diretto tra l’acquisto e gli obiettivi dell’operazione cofinanziata, secondo le modalità previste dal documento degli Indirizzi Procedurali Generali del PSR

• Acquisto di terreni edificati e non, relativi all’investimento, prevalentemente connessi al trattamento delle biomasse forestali ad uso energetico, secondo le modalità previste dal documento degli Indirizzi Procedurali Generali del PSR.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a:
- 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi
- 3 anni per investimenti produttivi in dotazioni/attrezzature, secondo quanto dagli Indirizzi Procedurali Generali del PSR.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/13620046/TC+861+5C+dgr+1001/c8497f22-281a-40de-af8a-8deeafff0e78

Bandi chiusi

Impegni pluriennali – domande di conferma Misura 10 (DGR n. 396 del 2018 e n. 376 del 2019)

Misura 10 Pagamenti agroclimatico ambientali del PSR 2014-2020

Tipo intervento 10.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 166 del 22 febbraio 2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
Titolo Impegni pluriennali – domande di conferma Misura 10 (DGR n. 396 del 2018 e n. 376 del 2019)
Misura10 Pagamenti agroclimatico ambientali del PSR 2014-2020
Tipo intervento 10.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 166 del 22 febbraio 2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione25/02/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini di presentazione delle domande di conferma per l’anno 2022 per alcuni tipi d’intervento della misura 10 Pagamenti agroclimatico ambientali relativamente ai bandi approvati con DGR n. 396/2018 e n. 376/2019 del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.

BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato dei Bandi: DGR n. 396/2018 e n. 376/2019

Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-finanziamenti

Impegni pluriennali – domande di conferma Misura 10 e Misura 11 (DGR n. 435 del 2017, n. 465 del 2016 e n. 440 del 2015)

Misura 10 Pagamenti agroclimatico ambientali e 11 Agricoltura biologica del PSR 2014-2020

Tipo intervento 10.0 e 11.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 167 del 22 febbraio 2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
Titolo Impegni pluriennali – domande di conferma Misura 10 e Misura 11 (DGR n. 435 del 2017, n. 465 del 2016 e n. 440 del 2015)
Misura10 Pagamenti agroclimatico ambientali e 11 Agricoltura biologica del PSR 2014-2020
Tipo intervento10.0 e 11.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 167 del 22 febbraio 2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione25/02/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini di presentazione delle domande di conferma per il sesto, settimo e ottavo anno per alcuni tipi d’intervento della misura 10 Pagamenti agroclimatico ambientali e 11 Agricoltura biologica, relative ai bandi approvati con DGR n. 435 del 6 aprile 2017, n. 465 del 19 aprile 2016 e n. 440 del 31 marzo 2015 del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.

BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato dei Bandi: DGR n. 435 del 6 aprile 2017, n. 465 del 19 aprile 2016 e n. 440 del 31 marzo 2015.

Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-finanziamenti

Impegni pluriennali – domande di conferma (periodo 2007-2013 e prima del 2012)

Misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli del PSR 2007-2013

Tipo intervento 221.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 165 del 22 febbraio 2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
TitoloImpegni pluriennali – domande di conferma (periodo 2007-2013 e prima del 2012)
Misura221 Primo imboschimento dei terreni agricoli del PSR 2007-2013
Tipo intervento221.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 165 del 22 febbraio 2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione25/02/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini per il 2022 delle domande di conferma relative agli impegni pluriennali assunti negli anni 2008, 2009, 2010 e 2011, relativi alla misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli del PSR 2007-2013.

BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato del bando Misura 221 - Primo imboschimento dei terreni agricoli.

Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-finanziamenti

Aiuti per prevenire i danni della fauna selvatica (lupi, orsi)

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.4.3 - Strutture funzionali all’incremento e alla valorizzazione della biodiversità naturalistica

Bando DGR n. 218 del 8/03/2022

Apri
TitoloAiuti per prevenire i danni della fauna selvatica (lupi, orsi)
Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.4.3 - Strutture funzionali all’incremento e alla valorizzazione della biodiversità naturalistica
ProvvedimentoDGR n. 218 del 8/03/2022
Data di pubblicazione11/03/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bando500.000,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento è finalizzato alla prevenzione dei danni causati alle produzioni agricole e zootecniche dalla fauna selvatica ed in particolare dai grandi carnivori come lupi ed orsi, contribuendo così alla coesistenza delle diverse specie e alla salvaguardia della biodiversità.

BeneficiariAgricoltori (art.4 reg. UE 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità.
Importi e aliquoteL’intensità dell’aiuto è pari al 100% della spesa ammissibile; l’importo massimo ammissibile per domanda è pari a 5.000 euro.
Interventi ammissibili• Recinzioni elettrificate semipermanenti, a rete o a filo, per la protezione del bestiame al pascolo;
• Recinzioni elettrificate mobili, a rete, con supporti in materiale sintetico, per la protezione del bestiame al pascolo;
• Recinzioni metalliche fisse, con o senza elettrificazione, per la protezione del bestiame al pascolo in aree limitate;
• Dissuasori acustici e/o luminosi.

ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione di 3 anni.

Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=472132

Tecniche agronomiche ed irrigue innovative e migliorative per l’ambiente

Misura 10 - Pagamenti agroclimatico ambiental

Tipo intervento 10.1.2 - Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue

Bando DGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
TitoloTecniche agronomiche ed irrigue innovative e migliorative per l’ambiente
Misura10 - Pagamenti agroclimatico ambiental
Tipo intervento 10.1.2 - Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue
ProvvedimentoDGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione11/03/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bando15.000.000,00 euro
DescrizioneL’intervento sostiene i maggiori costi correlati all’impiego di tecniche di coltivazione innovative e migliorative per l’ambiente.

In particolare viene favorita l’adozione di tecniche colturali e di soluzioni irrigue che consentano una gestione virtuosa delle superfici agricole, in relazione ai seguenti obiettivi ambientali:
- adattamento al cambiamento climatico
- mantenimento/raggiungimento di uno stato qualitativo “buono” dei corpi idrici superficiali.

In tale contesto, vengono proposti impegni che consentono di ridurre i potenziali rilasci in falda dei nutrienti, ottimizzando la disponibilità della risorsa idrica nel profilo dello strato attivo del terreno.
BeneficiariAgricoltori (art.4 reg.UE 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità.

Importi e aliquoteGli importi dell’aiuto sono stabiliti come indicato di seguito, sulla base del tipo di impegno e di coltura.

• Per impegni comprensivi di ottimizzazione irrigua:
Mais: 445 €/ha/anno
Soia: 365 €/ha/anno
Barbabietola: 434 €/ha/anno
Tabacco: 512 €/ha/anno

• Per impegni in mancanza di servizio irriguo strutturato:
Mais: 272 €/ha/anno
Sorgo: 264 €/ha/anno
Soia: 193 €/ha/anno
Girasole: 220 €/ha/anno
Barbabietola: 261 €/ha/anno
Frumento e altri cereali autunno-vernini: 215 €/ha/anno
Colza e altre brassicaceae: 264 €/ha/anno.

La componente greening del pagamento individuale va sottratta per le relative tipologie colturali secondo gli importi indicati nel bando.
Interventi ammissibiliTecniche di coltivazione che assicurino l’appropriato utilizzo dei fitonutrienti e della risorsa idrica, per allineare i potenziali fabbisogni delle colture alla necessità di tutela della qualità delle risorse idriche superficiali e profonde, mitigando al contempo le emissioni climalteranti originate dalle attività di fertilizzazione.
ImpegniL’agricoltore deve rispettare i seguenti impegni:
• Seminare colture intercalari di copertura del suolo
• Effettuare analisi dei terreni
• Ridurre i concimi azotati e distribuire in modo ottimizzato i fertilizzanti
• Aggiornare il Registro web di coltivazione
• Rispettare gli impegni di gestione ottimizzata dell’acqua a fini irrigui, (in presenza di colture di mais, barbabietola, soia, tabacco)
• Non utilizzare le superfici aziendali rese disponibili a soggetti diversi dal richiedente per lo spandimento degli effluenti e loro assimilati, ai sensi di quanto stabilito dalla disciplina regionale vigente.

Il periodo di impegno è pari a 3 anni dalla data di presentazione della domanda, garantendo completamente il rispetto degli impegni prescritti anche relativamente all’anno solare 2022.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-dgr-218-del-8-marzo-2022

Tutela ed incremento degli habitat seminaturali a sostegno della biodiversità

Misura 10 - Pagamenti agroclimatico ambientali

Tipo intervento 10.1.6 - Tutela ed incremento degli habitat seminaturali

Bando DGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
Titolo Tutela ed incremento degli habitat seminaturali a sostegno della biodiversità
Misura10 - Pagamenti agroclimatico ambientali
Tipo intervento10.1.6 - Tutela ed incremento degli habitat seminaturali
ProvvedimentoDGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione11/03/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bando3.000.000,00 euro
DescrizioneL’intervento promuove l’attivazione di due azioni, volte alla riqualificazione ambientale delle aree agricole con funzione di incremento dell’avifauna e della connettività ecologica potenzialmente realizzabile, così definite:

a) “Gestione sostenibile di prati umidi e zone umide” per l’ incremento della biodiversità, in particolare per favorire sosta, alimentazione, nidificazione e svernamento dell’avifauna acquatica e dei rapaci, e per rettili e anfibi legati alle zone umide;

b) “Conversione a prato delle superfici seminative” per la creazione di prati poliennali misti a falciatura tardiva, che possono costituire una nicchia per le specie che nidificano a terra, oltre ad fornire un rifugio e foraggio invernale per mammiferi ed uccelli.
BeneficiariAgricoltori (art.4 reg. 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità.
Importi e aliquoteL’importo a bando di 3.000.000,00 euro e viene così suddiviso:

a) Gestione sostenibile di prati umidi e zone umide: 1.500.000,00 euro (importo triennale);

b) Conversione a prati misti: 1.500.000,00 euro (importo triennale).

L’ importo del pagamento annuo senza riduzione greening è pari a 598 €/ha per investimenti di entrambe le azioni a) e b).

“Greening di base”: per il rispetto del principio “no double funding”, nei casi pertinenti, va sottratta la componente del pagamento individuale greening base “Ecological Focus Areas” secondo le indicazioni riportate nel bando.
Interventi ammissibiliGli interventi ammissibili sono i seguenti:
a) Gestione sostenibile di prati umidi e zone umide
b) Conversione a prato delle superfici seminative
ImpegniIl periodo di impegno è pari a 3 anni dalla data di presentazione della domanda di aiuto e si conclude il 31 dicembre del terzo anno.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-dgr-218-del-8-marzo-2022

Conversione all’agricoltura biologica

Misura 11 - Agricoltura biologica

Tipo intervento 11.1.1 Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica

Bando DGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
TitoloConversione all’agricoltura biologica
Misura11 - Agricoltura biologica
Tipo intervento11.1.1 Pagamenti per la conversione all’agricoltura biologica
ProvvedimentoDGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione11/03/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bando15.000.000,00
DescrizioneL’intervento sostiene l’impegno di conversione all’agricoltura biologica, ossia la transizione iniziale dall’agricoltura convenzionale alle modalità agronomiche definite dalle norme europee.
Beneficiari• Agricoltori in attività come definiti all’art. 9 del regolamento UE n. 1307/2013 e dal decreto applicativo del MIPAAF n. 6513 del 18/11/2014 integrato dal D.M. n.1420 del 26/02/2015.
• Enti pubblici che conducono aziende agricole.
Importi e aliquoteL’entità del pagamento al lordo del greening, per coltura, è il seguente:
• seminativi: 462 euro/ha
• orticole: 947 euro/ha
• vite: 712 euro/ha
• fruttiferi: 894 euro/ha
• prato stabile: 410 euro/ha
• pascolo: 221 euro/ha
• colture orticole in serra: 909 euro/ha.

“Greening di base” (Reg. UE n. 1307/2013, artt. 43 e 45): per il rispetto del principio “no double funding”, nei casi pertinenti, va sottratta la componente greening del pagamento individuale secondo le indicazioni riportate nel bando.
Interventi ammissibiliL'intervento sostiene la conversione dal metodo convenzionale all’agricoltura biologica, nel rispetto di quanto definito dal regolamento (UE) 2018/848.

ImpegniIl periodo di impegno è di 3 anni dalla data di presentazione della domanda e scade il 31/12 del terzo anno solare.

Il requisito di agricoltore in attività dovrà essere mantenuto per l’intero periodo d’impegno.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-dgr-218-del-8-marzo-2022

Indennità compensativa in zona montana

Misura 13 - Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici

Tipo intervento 13.1.1 - Indennità compensativa in zona montana

Bando DGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)

Apri
TitoloIndennità compensativa in zona montana
Misura13 - Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici
Tipo intervento 13.1.1 - Indennità compensativa in zona montana
ProvvedimentoDGR n. 218 del 8/03/2022 (Termini prorogati con DPGR n. 39 del 12 maggio 2022)
Data di pubblicazione11/03/2022
Data di scadenza15/06/2022
Risorse a bando20.000.000,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nell’erogazione di un’indennità intesa a compensare gli agricoltori dei costi aggiuntivi e della perdita di reddito derivanti dagli svantaggi che ostacolano la produzione agricola nelle zone montane.

BeneficiariAgricoltori in attività (art. 9 Reg. 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità.
Importi e aliquoteL’aiuto viene determinato sulla base della SAU ammissibile in zona montana (SOI), applicando la combinazione dei fattori di svantaggio derivanti da altitudine e pendenza media aziendale, distinte tra aziende zootecniche e altre aziende.

Interventi ammissibiliIndennità erogata attraverso un aiuto per ettaro di Superficie Agricola Utilizzata (SAU) in zona montana svantaggiata.
Impegni• Prosecuzione dell’attività agricola in zona montana per l’anno di presentazione della domanda di aiuto;

• Nel caso di aziende zootecniche: condurre superfici foraggere utilizzate per l’allevamento per un periodo minimo di 3 mesi l’anno e seminativi destinati all’alimentazione del bestiame, correlati al carico minimo per ettaro di 0,2 UBA a partire da una consistenza minima aziendale di 1 UBA;

• Utilizzo delle superfici foraggere per l’allevamento, coerentemente con le esigenze pascolative e/o foraggere dell’allevamento, per un periodo di tre mesi, compreso tra maggio e ottobre.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-dgr-218-del-8-marzo-2022

Investimenti aziendali in agricoltura

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 375 dell'8 aprile 2022)

Apri
TitoloInvestimenti aziendali in agricoltura
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 375 dell'8 aprile 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza24/05/2022
Risorse a bando54.000.000 euro (integrate con DGR 771 del 29 giugno 2022)
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nel sostegno agli investimenti strutturali e dotazionali nelle aziende agricole che consentano di:
• migliorare la redditività dell’impresa;
• favorire innovazione, differenziazione di prodotto, nuove forme di commercializzazione;
• aumentare l’integrazione territoriale delle imprese mediante la riduzione degli impatti negativi dell’agricoltura sull’ambiente;
• favorire la crescita delle aziende;
• favorire l’approvvigionamento di energia per autoconsumo con il duplice scopo di incrementare la produzione regionale di energia di origine rinnovabile e, contemporaneamente, di ridurre le emissioni gassose in atmosfera generate dall’attività di allevamento degli animali ovvero da impianti alimentati da fonti fossili.
Beneficiari• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e/o allevamento di animali.
Importi e aliquoteI contributi sono calcolati sulla spesa ammessa nel modo seguente:
• Imprese agricole condotte da giovani (entro 5 anni dall’investimento):
- in zona montana: 40% per investimenti per trasformazione e commercializzazione; 60% per altri investimenti;
- in altre zone: 40% per investimenti per trasformazione e commercializzazione; 50% per altri investimenti
• Altre Imprese agricole:
- in zona montana: 40% per investimenti per la trasformazione e commercializzazione; 50% per altri investimenti;
- in altre zone: 40% per investimenti per la trasformazione e commercializzazione; 40% per altri investimenti.
Interventi ammissibili• Interventi di miglioramento fondiario
• Costruzione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento, commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature;
• Acquisto/Acquisto con ristrutturazione/Ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione,trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature;
• Ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali con utilizzo di materiale da costruzione che migliori l'efficienza energetica;
• Investimenti per l'eliminazione e sostituzione dell'amianto;
• Investimenti strutturali ed impianti per stoccaggio, trattamento e gestione dei residui agricoli e dei reflui aziendali con esclusione degli investimenti finanziabili nell’ambito del Tipo di Intervento 411(Focus Area 5D);
• Acquisto di macchine e attrezzature;
• Acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione)
• Investimenti per la produzione di energia, a esclusivo uso aziendale
• Investimenti volti alla depurazione delle acque reflue derivanti dall'attività di trasformazione dei prodotti;
• Investimenti finalizzati alla difesa attiva delle coltivazioni da eventi meteorici estremi e dai danni da animali selvatici e a proteggere gli allevamenti dall’azione dei predatori;
• Investimenti in hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (TIC), al commercio elettronico, all’acquisizione di competenze digitali (e-skills) e all’apprendimento in linea (e-learning) nonché allacciamento alla rete.
• Spese generali previste dagli Indirizzi procedurali generali (ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità).
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali del PSR di durata pari a:
- 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi;
- 3 anni per investimenti produttivi di natura dotazionale o attrezzature.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/12859119/Allegato+C+-+DGR+771/eb2fc612-89fe-4652-b6ef-bdc13ad4fba8

Trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.2.1 - Investimenti per la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. n. 280 del 22/03/2022)

Apri
TitoloTrasformazione e commercializzazione prodotti agricoli
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.2.1 - Investimenti per la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. n. 280 del 22/03/2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza24/05/2022
Risorse a bando45.000.000 di euro
DescrizioneIl tipo di intervento sostiene investimenti materiali nelle imprese agroalimentari per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all’Allegato I al Trattato di Funzionamento della UE, esclusi i prodotti della pesca.
BeneficiariImprese agroalimentari che svolgono sia l’attività di trasformazione che di commercializzazione di prodotti agricoli così come definiti ai sensi dell’art. 2 numero 4 del regolamento UE n. 702/2014.
Importi e aliquoteL’importo a bando è ripartito tra i settori produttivi per i quali è previsto l’intervento, in base al valore della produzione agricola (ISTAT triennio 2018-2020) di ciascun settore, come indicato di seguito:
• Zootecnico (latte vaccino; carni bovine; suine; avicole; uova): 19.506.000 euro
• Vinicolo: 10.384.000 euro
• Settori minori (olio d’oliva; riso; produzioni di nicchia; cereali e oleoproteginose minori; sementi; piante da fibra; piante officinali; allevamenti minori; conigli; altre produzioni minori non ricomprese altrimenti): 1.500.000 euro
• Ortofrutticolo (colture comprese nella OCM Ortofrutta e patate): 7.217.000 euro
• Grandi colture (mais; frumento; soia; orzo; girasole; tabacco; bietola da zucchero): 6.393.000 euro.

Eventuali importi residui provenienti dai settori per i quali sono state esaurite le domande ammesse a finanziamento saranno ridistribuiti tra i rimanenti settori in modo proporzionale al volume della spesa ammissibile per ciascun settore.

L’intensità dell'aiuto pubblico concedibile è pari al:
• 40% della spesa ammissibile per le microimprese nelle zone montane
• 30% della spesa ritenuta ammissibile per le PMI
• 20% della spesa ritenuta ammissibile per le imprese intermedie (imprese che occupano meno di 750 persone o il cui fatturato annuo non supera i 200 milioni di euro)
• 10% della spesa ritenuta ammissibile per le grandi imprese.
Interventi ammissibili• Realizzazione/acquisto, ristrutturazione, ammodernamento di beni immobili per la lavorazione condizionamento, trasformazione, immagazzinamento commercializzazione, di prodotti agricoli;
• Acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature e software.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali del PSR di durata pari a:
• 5 anni per gli investimenti produttivi strutturali (beni immobili);
• 3 anni per investimenti produttivi in dotazioni/attrezzature.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464350

Pacchetto giovani - Primo insediamento

Misura 6 - Sviluppo delle imprese agricole

Tipo intervento 6.1.1 - Insediamento di giovani agricoltori

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)

Apri
TitoloPacchetto giovani - Primo insediamento
Misura6 - Sviluppo delle imprese agricole
Tipo intervento6.1.1 - Insediamento di giovani agricoltori
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza25/03/2022
Risorse a bando13.000.000 euro
DescrizioneL’intervento promuove il ricambio generazionale favorendo il primo insediamento di giovani agricoltori (età compresa tra i 18 e i 40 anni) che diano vita ad attività imprenditoriali.
L’intervento consiste nell’attivazione di un pacchetto aziendale integrato (Pacchetto giovani) costituito da diversi interventi del Programma coordinati tra loro da un piano aziendale.
Oltre al primo insediamento, sono attivabili il tipo d’intervento 4.1.1 per il miglioramento delle prestazioni dell’azienda agricola e il tipo di intervento 6.4.1 per la diversificazione delle attività aziendali.
BeneficiariGiovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.
Importi e aliquotePremio per l’insediamento di 40.000 euro
Impegni• Presentare richiesta di anticipo pari all’80% dell’aiuto corredata da una polizza fideiussoria pari al 100% del valore dell’anticipo entro e non oltre 120 giorni dalla pubblicazione del decreto di concessione dell’aiuto;
• iniziare l’attuazione del piano aziendale dopo la presentazione della domanda di aiuto e, comunque, entro 9 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV
• non variare la superficie e la struttura iniziale dell’azienda se non previsto nel piano aziendale;
• concludere il piano aziendale entro 36 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV;
• diventare “agricoltore attivo” entro 18 mesi dalla data di insediamento, pena la revoca degli aiuti concessi;
• aderire, nel periodo di esecuzione del piano aziendale, ad almeno una azione di formazione e/o ad almeno una consulenza a valere sulle sottomisure 1.1 e 2.1 del PSR;
• conseguire, se non esistente alla data di presentazione della domanda, la sufficiente capacità professionale entro 36 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV (se previsto dal piano aziendale);
• acquisire, entro 36 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV, la qualifica di imprenditore agricolo professionale, pena la revoca degli aiuti concessi;
• condurre l’azienda per almeno cinque anni decorrenti dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV
• tenere una contabilità aziendale per un periodo minimo di 5 anni dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464350

Pacchetto Giovani - Investimenti aziendali (intervento collegato)

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)

Apri
TitoloPacchetto Giovani - Investimenti aziendali (intervento collegato)
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza25/03/2022
Risorse a bando20.000.000 di euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nel sostegno agli investimenti strutturali e dotazionali nelle aziende di giovani agricoltori (età compresa tra i 18 e i 40 anni) neo insediati che consentano di:
• migliorare la redditività dell’impresa, condizione necessaria per potenziare la competitività dell’agricoltura;
• favorire innovazione, differenziazione di prodotto, nuove forme di commercializzazione;
• aumentare l’integrazione territoriale delle imprese mediante la riduzione degli impatti negativi dell’agricoltura sull’ambiente;
• favorire la crescita delle aziende, in particolare quelle condotte da giovani agricoltori;
• favorire l’approvvigionamento di energia per autoconsumo con il duplice scopo di incrementare la produzione regionale di energia di origine rinnovabile e, contemporaneamente, di ridurre le emissioni gassose in atmosfera generate dall’attività di allevamento degli animali ovvero da impianti alimentati da fonti fossili.
BeneficiariGiovani agricoltori beneficiari del premio di primo insediamento.
Importi e aliquoteI contributi per i giovani agricoltori che presentano domanda per il sostegno all’insediamento nell’ambito del Pacchetto Giovani sono calcolati sulla spesa ammessa secondo le seguenti aliquote:
- in zona montana: 40% per investimenti per trasformazione e commercializzazione; 60% per altri investimenti;
- in altre zone: 40% per investimenti per trasformazione e commercializzazione; 50% per altri investimenti.
Interventi ammissibili• Interventi di miglioramento fondiario
• Costruzione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento, commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature;
• Acquisto/acquisto con ristrutturazione/ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali e per ricovero macchine/attrezzature;
• Ristrutturazione di fabbricati per la produzione, lavorazione, trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione diretta in azienda dei prodotti aziendali con utilizzo di materiale da costruzione che migliori l'efficienza energetica;
• Investimenti per l'eliminazione e sostituzione dell'amianto;
• Investimenti strutturali ed impianti per lo stoccaggio, il trattamento e la gestione dei residui agricoli e dei reflui aziendali con esclusione degli investimenti finanziabili nell’ambito del Tipo di Intervento 411(Focus Area 5D);
• Acquisto di macchine e attrezzature;
• Acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione)
• Investimenti per la produzione di energia, a esclusivo uso aziendale
• Investimenti volti alla depurazione delle acque reflue derivanti dall'attività di trasformazione dei prodotti;
• Investimenti finalizzati alla difesa attiva volti a proteggere le coltivazioni dagli eventi meteorici estremi e dai danni derivanti dagli animali selvatici e a proteggere gli allevamenti dall’azione dei predatori;
• Investimenti in hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (TIC), al commercio elettronico, all’acquisizione di competenze digitali (e-skills) e all’apprendimento in linea (e-learning) nonché allacciamento alla rete.
• Spese generali previste dagli Indirizzi procedurali generali (ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità).
ImpegniIl beneficiario degli aiuti:
1) deve condurre l’azienda per almeno cinque anni decorrenti dalla data di pubblicazione del decreto di concessione del contributo sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto;
2) deve tenere una contabilità aziendale, per un periodo minimo di 5 anni dalla data di pubblicazione del decreto di concessione del contributo sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto;
3) deve mantenere, almeno per il periodo di stabilità delle operazioni finanziate, pena la revoca degli aiuti concessi, le condizioni previste al paragrafo 3.2, numero 4.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464350

Pacchetto giovani – Diversificazione delle imprese agricole (intervento collegato)

Misura 6 - Sviluppo delle imprese agricole

Tipo intervento 6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)

Apri
TitoloPacchetto giovani – Diversificazione delle imprese agricole (intervento collegato)
Misura6 - Sviluppo delle imprese agricole
Tipo intervento6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza25/03/2022
Risorse a bando1.500.000 euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nel sostegno agli investimenti nelle aziende di giovani agricoltori (età compresa tra i 18 e i 40 anni) neo insediati finalizzati alla diversificazione delle attività e delle funzioni svolte dall’impresa agricola in attività extra-agricole.

BeneficiariGiovani agricoltori beneficiari del premio di primo insediamento

Importi e aliquoteSpesa ammissibile per ristrutturazione e ammodernamento dei beni immobili: 50% in zone montane, 40% in altre zone;

Spesa ammissibile per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature, acquisto o sviluppo di programmi informatici, realizzazione di siti internet e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore, marchi commerciali: 45% in zone montane, 35% in altre zone.
Interventi ammissibiliSono ammissibili gli interventi per la realizzazione delle seguenti attività extra-agricole:
• trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non non agricoli
• fattoria sociale (L.R. n. 14/2013)
• fattoria didattica (L.R. n. 28/2012)
• ospitalità agrituristica in alloggi e/o in spazi aziendali aperti quali agri-campeggi ed esclusivamente per le malghe, la somministrazione di pasti, spuntini e bevande (L.R. n. 28/2012)
• turismo rurale (L.R. n. 28/2012);
• servizi ambientali svolti dall’impresa agricola per la cura e manutenzione di spazi non agricoli.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi Procedurali Generali del PSR, di durata pari a:
• 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi;
• 3 anni per investimenti produttivi in dotazioni/attrezzature.

Durante il periodo di realizzazione del Piano Aziendale di cui al Tipo di intervento 6.1.1, che intercorre fra la data di approvazione del decreto di concessione e la data della domanda di saldo per la chiusura del pacchetto giovani, l’impresa non può beneficiare di ulteriori aiuti a valere sul Tipo di intervento 6.4.1.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464350

Investimenti aziendali per il risparmio idrico in agricoltura

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 489 del 29 aprile 2022)

Apri
TitoloInvestimenti aziendali per il risparmio idrico in agricoltura
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 489 del 29 aprile 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza25/03/2022
Risorse a bando10.000.000 euro (Risorse EURI)
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nel sostegno agli investimenti strutturali e dotazionali delle aziende agricole, mirati a favorire la riconversione e l’ammodernamento degli impianti irrigui verso sistemi che consentano un miglior uso ed un risparmio della risorsa idrica.
Beneficiari• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e/o allevamento di animali.

Importi e aliquoteI contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:
- in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
- in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.
Interventi ammissibili• Adozione di sistemi, impianti e tecnologie irrigue finalizzati al risparmio idrico.
• Realizzazione di invasi aziendali per l’accumulo delle acque meteoriche a fini irrigui.
• Operazioni che prevedono la realizzazione dei seguenti interventi:
- riconversione degli impianti di irrigazione esistenti, con passaggio da una classe di efficienza a una superiore;
- ammodernamento degli impianti nell’ambito dei sistemi afferenti alla medesima classe di efficienza;
- invasi impermeabilizzati di capacità utile massima di 25.000 mc per azienda
- raccolta delle acque meteoriche a fini irrigui;
- programmazione, gestione, misurazione, controllo, telecontrollo e l’automatizzazione, compresi i contatori.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto alla sezione II, paragrafo 2.8.1 degli Indirizzi procedurali
generali del PSR di durata pari a:
- 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi,
- 3 anni per investimenti produttivi di natura dotazionale o attrezzature.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/13587985/DGR+489+All+D+coordinato/5084b9c3-8efc-408b-b84a-9931d75daca9

Investimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - STRUTTURE

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021

Apri
Titolo Investimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - STRUTTURE
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
Provvedimento DGR n. 1687 del 29 novembre 2021
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza25/03/2022
Risorse a bando 21.000.000 di euro
DescrizioneIl tipo di intervento concorre alle misure straordinarie attivate dalla Regione del Veneto con DGR n. 238/2021 mediante interventi di tipo strutturale per favorire il miglioramento della qualità dell’aria in attuazione degli impegni presi con lo Stato nell'ambito dell'Accordo di Bacino Padano.

Beneficiari• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e allevamento di animali.

Importi e aliquoteI contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:
- in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
- in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.

Interventi ammissibili• Investimenti strutturali ed impianti per lo stoccaggio, il trattamento e la gestione dei residui agricoli e dei reflui aziendali comprese le strutture realizzate con tecnologie volte alla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra, in particolare:
- interventi finalizzati alla copertura delle vasche esistenti per effluenti non palabili con strutture fisse ed ermetiche alla pioggia, comprese le strutture flessibili (a tenda)
- costruzione e ristrutturazione di vasche per la raccolta degli effluenti non palabili per consentire una maggiore capacità di stoccaggio rispetto ai limiti minimi imposti dalla normativa vigente
- acquisto di serbatoi flessibili autoportanti in materiale plastomerico/elastomerico(sacconi), comprese le opere necessarie per l’installazione, in sostituzione delle strutture di stoccaggio esistenti, oppure finalizzati a creare volumi di stoccaggio aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalla normativa vigente.

• Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali
del PSR di durata pari a 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti.

Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/13522652/All+E+411+Strutture/9b92cc27-1d6f-4854-bceb-693f0085c360

Investimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - ATTREZZATURE

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n.1688 del 29 novembre 2021

Apri
Titolo Investimenti aziendali per ridurre le emissioni in agricoltura - ATTREZZATURE
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
Provvedimento DGR n.1688 del 29 novembre 2021
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza25/03/2022
Risorse a bando 2.000.000 di euro (Risorse nazionali)
DescrizioneIl tipo di intervento concorre alle misure straordinarie attivate dalla Regione del Veneto con DGR n. 238/2021 mediante interventi di tipo dotazionale per favorire il miglioramento della qualità dell’aria in attuazione degli impegni presi con lo Stato nell'ambito dell'Accordo di Bacino Padano.

Beneficiari• Agricoltori
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e allevamento di animali.

Importi e aliquoteI contributi sono calcolati sulla spesa ammessa, come segue:
- in zona montana: 60% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 50% per altre imprese agricole
- in altre zone: 50% per imprese agricole condotte da giovani agricoltori entro 5 anni dall’insediamento; 40% per altre imprese agricole.

Interventi ammissibili• Acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo (agricoltura conservativa, agricoltura di precisione), in particolare attrezzature per la distribuzione e l’interramento degli effluenti non palabili:
- Spandiliquame trainato (carrobotte) con interratori
- Spandiliquame semoventi con interratori
- Sistemi ombelicali atti all’interramento attrezzature portate atte all’interramento degli effluenti non palabili.

• Spese generali secondo quanto previsto agli Indirizzi procedurali generali ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità.

ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a 3 anni per investimenti produttivi di natura dotazionale o attrezzature, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali del PSR.

Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464351

Informazione e promozione su regimi di qualità

Misura 3 – Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari

Tipo intervento 3.2.1 – Informazione e promozione sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)

Apri
TitoloInformazione e promozione su regimi di qualità
Misura3 – Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari
Tipo intervento3.2.1 – Informazione e promozione sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Termini prorogati con DGR n. 76 del 1 febbraio 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza10/03/2022
Risorse a bando 6.500.000,00 euro
DescrizioneL’intervento sostiene la realizzazione di azioni di informazione e promozione riguardanti i prodotti agricoli che rientrano tra i regimi di qualità (articolo 16 del Reg. UE n. 1305/2013) e che sono elencati nei bandi della sottomisura 3.1 “Sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità” ed elencati in Allegato tecnico al bando. Le azioni che beneficiano del sostegno sono realizzate nel mercato interno.
BeneficiariOrganismi collettivi che raggruppano operatori che partecipano ai regimi di qualità, quali:
- consorzi di tutela DOP, IGP, STG e QV;
- consorzi tra consorzi di tutela;
- associazioni di organizzazioni di produttori;
- associazioni di produttori agricoli;
- consorzi tra imprese agricole;
- associazioni temporanee di imprese (ATI) o associazioni temporanee di scopo (ATS).
Importi e aliquoteIl livello di aiuto per le azioni di informazione e di promozione è pari al 70% della spesa ammissibile. I limiti minimi e massimi di spesa variano tra i 10.000 e 400.000 euro, a seconda che la domanda sia individuale o presentata da ATI/ATS.
Interventi ammissibiliAzioni di informazione e promozione sui regimi di qualità dei prodotti agricoli realizzate all’interno e all’esterno del territorio del Veneto.
Impegnill beneficiario deve adempiere agli impegni entro il termine previsto dal bando per la conclusione dell’intervento.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464350

Diversificazione delle imprese agricole

Misura 6 - Sviluppo delle imprese agricole

Tipo intervento 6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 489 del 29 aprile 2022)

Apri
TitoloDiversificazione delle imprese agricole
Misura6 - Sviluppo delle imprese agricole
Tipo intervento6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 489 del 29 aprile 2022)
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza10/03/2022
Risorse a bando13.500.000 euro
DescrizioneIl tipo di intervento sostiene gli investimenti finalizzati alla diversificazione delle attività e delle funzioni svolte dall’impresa agricola in attività extra-agricole.

BeneficiariImprenditori agricoli ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile.
Importi e aliquote- Spesa ammissibile per ristrutturazione e ammodernamento dei beni immobili: 50% in zone montane, 40% in altre zone;

- Spesa ammissibile per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature, acquisto o sviluppo di programmi informatici, realizzazione di siti internet e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore, marchi commerciali: 45% in zone montane, 35% in altre zone.
Interventi ammissibiliSono ammissibili gli interventi per la realizzazione delle seguenti attività extra-agricole:
• trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non non agricoli
• fattoria sociale (L.R. n. 14/2013)
• fattoria didattica (L.R. n. 28/2012)
• ospitalità agrituristica in alloggi e/o in spazi aziendali aperti quali agri-campeggi ed esclusivamente per le malghe, la somministrazione di pasti, spuntini e bevande (L.R. n. 28/2012)
• turismo rurale (L.R. n. 28/2012);
•servizi ambientali svolti dall’impresa agricola per la cura e manutenzione di spazi non agricoli.

ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi Procedurali Generali del PSR, di durata pari a:
• 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi;
• 3 anni per investimenti produttivi in dotazioni/attrezzature.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/documents/10701/13587985/DGR+489+All+H+coordinato/89310cbd-14a9-458b-bf1c-5a911cadb4ec

Diversificazione delle imprese agricole - Energie rinnovabili

Misura 6 - Sviluppo delle imprese agricole

Tipo intervento 6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole

Bando DGR n. 1687 del 29 novembre 2021

Apri
TitoloDiversificazione delle imprese agricole - Energie rinnovabili
Misura6 - Sviluppo delle imprese agricole
Tipo intervento6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole
ProvvedimentoDGR n. 1687 del 29 novembre 2021
Data di pubblicazione10/12/2021
Data di scadenza10/03/2022
Risorse a bando500.000 euro
DescrizioneLe attività finanziate sono rivolte alla creazione o all’ampliamento della multifunzionalità dell’impresa agricola per la produzione, finalizzata alla vendita di energia o di biometano derivante da fonti rinnovabili ed ottenuta impiegando prevalentemente reflui zootecnici.

BeneficiariImprenditori agricoli ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile.

Importi e aliquoteL’aliquota dell’aiuto rispetto alla spesa ammissibile, tenuto conto della possibilità di fruire di incentivi all’esercizio, è così modulata:
• costruzione, ristrutturazione impianti senza incentivazione all’esercizio: 50% zona montana, 40% altre zone;
• costruzione, ristrutturazione impianti con incentivazione all’esercizio: 40% zona montana, 40% altre zone.
• acquisto o sviluppo di programmi informatici senza incentivazione all’esercizio: 45% zona montana, 35% altre zone;
• acquisto o sviluppo di programmi informatici con incentivazione all’esercizio: 40% zona montana, 35% altre zone.
Interventi ammissibili- Gli interventi sono ammissibili ai fini della realizzazione da parte dell’azienda agricola delle seguenti attività extra-agricole:
• produzione e vendita di energia elettrica e/o termica impiegando prevalentemente reflui zootecnici
• produzione e vendita di biometano impiegando prevalentemente reflui zootecnici.

- Gli interventi ammessi riguardano:
• costruzione, ristrutturazione di impianti per la produzione e la vendita di energia elettrica e/o termica o di biometano.
• acquisto o sviluppo di programmi informatici.

Per impianto di produzione e di vendita di energia elettrica e/o termica o di biometano si intende l’insieme delle strutture e impiantistica strettamente funzionale allo scopo.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi Procedurali Generali
del PSR, di durata pari a:
- 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi;
- 3 anni per investimenti produttivi in dotazioni/attrezzature.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=464350

Infrastrutture viarie e di rete in zona montana

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.3.1 – Infrastrutture viarie silvopastorali, ricomposizione e miglioramento fondiario e servizi in rete

Bando DGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1177 del 24 agosto 2021)

Apri
TitoloInfrastrutture viarie e di rete in zona montana
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.3.1 – Infrastrutture viarie silvopastorali, ricomposizione e miglioramento fondiario e servizi in rete
ProvvedimentoDGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1177 del 24 agosto 2021)
Data di pubblicazione02/07/2021
Data di scadenza30/10/2021
Risorse a bando9.500.000,00 euro
DescrizioneL’intervento promuove:
- il miglioramento della viabilità silvopastorale attraverso investimenti che riguardano la costruzione e l’adeguamento della viabilità silvopastorale, comprese tutte le opere e i manufatti connessi all’investimento, nonché le opere accessorie di mitigazione degli impatti.
- il miglioramento di opere di natura infrastrutturale (es. strutture a rete) attraverso investimenti per l’approvvigionamento idrico, elettrico, termico e per le telecomunicazioni, escluso l’ultimo miglio.
BeneficiariSoggetti proprietari e/o gestori di aree forestali così delineati:
• Soggetti privati
• Associazioni o consorzi di privati
• Regole
• Comuni
• Associazioni di Comuni
• Unioni Montane/Comunità Montane
• Associazioni miste privati/Comuni
• Agenzia Veneta per l’innovazione del settore primario-Veneto Agricoltura
• Altre Amministrazioni pubbliche di cui al D.lgs. n.165 del 30/03/2001.
Sono considerati equiparati ai proprietari i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari al 80% della spesa ammissibile.
La spesa deve essere determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.
Interventi ammissibiliL'ambito territoriale interessato dal bando è rappresentato dalle zone classificate montane all'interno del territorio della Regione del Veneto. L'intervento è ammissibile all'interno di tutto il territorio del Comune, anche se lo stesso risulta parzialmente montano.

Sono ammessi i seguenti interventi:

• Costruzione di nuove strade silvopastorali, comprese tutte le opere e manufatti connessi direttamente all’investimento e le opere accessorie di mitigazione degli impatti. Tra i manufatti connessi all’investimento rientrano anche le opere volte al transito in condizioni di sicurezza.

• Adeguamento della viabilità silvopastorale esistente, comprese tutte le opere e manufatti connessi direttamente all’investimento e le opere accessorie di mitigazione degli impatti, come meglio specificato in allegato tecnico al bando. Tra i manufatti connessi all’investimento rientrano anche le opere volte al transito in condizioni di sicurezza.

• Costruzione di infrastrutture per l’approvvigionamento idrico, elettrico e termico, reti telefoniche, comprese tutte le opere e manufatti connessi direttamente all’investimento e le opere accessorie di mitigazione degli impatti.

• Adeguamento di infrastrutture per l’approvvigionamento idrico, elettrico e termico, reti telefoniche, comprese tutte le opere e manufatti connessi direttamente all’investimento e le opere accessorie di mitigazione degli impatti, come meglio specificato in allegato tecnico al bando.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a 3 anni, secondo quanto previsto dagli Indirizzi Procedurali Generali del PSR per gli investimenti non produttivi.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=452089

Ripristino di danni alle foreste

Misura 8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste

Tipo intervento 8.4.1 – Risanamento e ripristino delle foreste danneggiate da calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie ed eventi climatici

Bando DGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)

Apri
TitoloRipristino di danni alle foreste
Misura8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste
Tipo intervento8.4.1 – Risanamento e ripristino delle foreste danneggiate da calamità naturali, fitopatie, infestazioni parassitarie ed eventi climatici
ProvvedimentoDGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)
Data di pubblicazione02/07/2021
Data di scadenza30/10/2021
Risorse a bando5.000.000,00 euro
DescrizioneL’investimento sostiene le attività finalizzate al ripristino dei danni biotici e abiotici delle foreste, in particolare:
• Ripristino del potenziale forestale compromesso da danni di origine biotica o abiotica;
• Stabilizzazione/recupero di aree forestali in cui si sono verificati fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, smottamenti, erosioni superficiali).
Non sono ricompresi gli investimenti legati a danni da incendi boschivi.
Beneficiari• Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così delineati:
• Soggetti privati
• Associazioni o Consorzi di privati
• Regole
• Comuni
• Associazioni di Comuni
• Unioni Montane/Comunità Montane
• Associazioni miste privati/Comuni
• Altre Amministrazioni pubbliche, di cui al decreto legislativo 30/03/2001, n. 165.

Sono considerati equiparati ai proprietari i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari al 90% della spesa ammissibile.
La spesa sarà determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.
Interventi ammissibili• Ripristino del potenziale forestale compromesso da danni di origine biotica o abiotica:

- Investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate volti all’allontanamento e taglio di piante morte o irrimediabilmente compromesse, o parti di esse, a causa di eventi biotici (problematiche fitosanitarie) o abiotici (schianti da vento/neve, ecc.)

- Rinfoltimento e reimpianto di popolamenti abbattuti a causa di eventi biotici o abiotici (utilizzando, tra le specie autoctone, quelle che risultano essere più adatte ad affrontare la causa specifica del danno)

• Stabilizzazione/recupero di aree forestali in cui si sono verificati fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, smottamenti, erosioni superficiali, ecc) anche con tecniche di ingegneria naturalistica:

- Investimenti selvicolturali nelle aree danneggiate da fenomeni di dissesto idrogeologico volti all’allontanamento e taglio di piante morte o irrimediabilmente compromesse, o parti di esse

- Rinfoltimento e reimpianto di popolamenti abbattuti da fenomeni di dissesto idrogeologico (utilizzando, tra le specie autoctone, quelle che risultano essere più adatte ad affrontare la causa specifica del danno)

- Scoronamento e conguaglio del terreno

- Opere di captazione e drenaggio acque superficiali

- Investimenti di consolidamento del versante danneggiato da fenomeni di dissesto idrogeologico con tecniche di ingegneria naturalistica (ad esempio: muri di sostegno, palizzate, arce, fascinate, viminate, inerbimenti, ecc)

- Investimenti per il ripristino, delle opere e manufatti esistenti al servizio dei boschi (rif. DGR 2224/2011), per la sola parte danneggiata da fenomeni di dissesto idrogeologico

Gli interventi, possono essere attuati tramite l’esecuzione di uno o più investimenti.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a 3 anni, secondo quanto previsto alla sezione II, paragrafo 2.8.1 degli Indirizzi Procedurali Generali del PSR per gli investimenti non produttivi.

Nel soprassuolo oggetto di intervento, una volta ultimato il periodo vincolativo, sono ammessi ulteriori successivi interventi selvicolturali ordinari (es. lotto boschivo).
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=452089

Corsi di formazione agricola e forestale

Misura 1 – Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione

Tipo intervento 1.1.1 – Azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze

Bando DGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1177 del 24 agosto 2021 e DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)

Apri
TitoloCorsi di formazione agricola e forestale
Misura1 – Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione
Tipo intervento1.1.1 – Azioni di formazione professionale e acquisizione di competenze
ProvvedimentoDGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1177 del 24 agosto 2021 e DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)
Data di pubblicazione02/07/2021
Data di scadenza30/09/2021
Risorse a bando5.950.000,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento sostiene la realizzazione di corsi di formazione collettivi e individuali, rivolti a: imprenditori agricoli, loro coadiuvanti e partecipi familiari, dipendenti agricoli, detentori di aree forestali e dipendenti, dipendenti o titolari di PMI operanti nel settore forestale ed orientati al trasferimento di conoscenze e dell’innovazione, con riferimento esplicito agli aspetti e alle tematiche connesse con le focus area perseguite dal programma e direttamente proposte dal bando.

BeneficiariOrganismi di formazione accreditati.
Importi e aliquoteE’ previsto un contributo differenziato per:

• interventi collettivi rivolti a imprenditori agricoli, loro coadiuvanti e partecipi familiari, dipendenti agricoli: 100% della spesa ammissibile, sulla base dell’unità di costo standard orario pari ad euro 155,00;

• interventi collettivi rivolti a detentori di aree forestali e dipendenti, a dipendenti o a titolari di PMI forestali di cui alla Focus area 2A, lettera h, del paragrafo 3.1 del bando: 60% dell’importo della spesa ammissibile, sulla base dell’unità di costo standard orario pari ad euro 155,00. L’ente di formazione deve addebitare agli allievi del corso un importo pari al 40% della spesa ammessa del corso medesimo;

• interventi individuali rivolti a imprenditori agricoli ai sensi dell’art. 2135 del Codice Civile, relativi coadiuvanti, partecipi familiari di cui all’art. 230 bis del Codice Civile, dipendenti agricoli di età non superiore ai 40 anni: contributo dell'80% della spesa ammissibile, sulla base dell’unità di costo standard orario pari ad euro 70,00. L’ente di formazione deve addebitare agli imprenditori agricoli dell’intervento individuale un importo pari al 20% della spesa ammessa dell’intervento stesso.
Interventi ammissibiliSono ammissibili corsi di formazione e aggiornamento, collettivi ed individuali, in presenza, in aula, in campo, e a distanza (FaD) svolti on-line in modalità sincrona attraverso lo strumento della classe virtuale in cui gli utenti/discenti interagiscono con il docente e il tutor della materia, di durata massima prevista dal bando e/o dalle vigenti disposizioni di settore.
I corsi di formazione devono avere struttura modulare, secondo le indicazioni del bando.

ImpegniL’organismo di formazione risulta a tutti gli effetti l’unico soggetto responsabile nei confronti della Regione. Il medesimo deve assicurare la gestione in proprio delle varie fasi operative connesse con la realizzazione delle iniziative formative senza possibilità di delegare l’attività, in tutto o in parte, a soggetti/organismi terzi, fatte salve le possibilità di collaborazione previste dal bando.

Per ulteriore dettaglio degli impegni vedere il bando.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=452089

Aiuti per danni da calamità naturali

Misura 5 - Ripristino potenziale produttivo agricolo

Tipo intervento 5.2.1 – Investimenti per il ripristino dei terreni e del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali

Bando DGR n. 897 del 30 giugno 2021

Apri
TitoloAiuti per danni da calamità naturali
Misura5 - Ripristino potenziale produttivo agricolo
Tipo intervento5.2.1 – Investimenti per il ripristino dei terreni e del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali
ProvvedimentoDGR n. 897 del 30 giugno 2021
Data di pubblicazione02/07/2021
Data di scadenza30/09/2021
Risorse a bando1.500.000,00 euro
DescrizioneL’intervento sostiene la realizzazione di investimenti per il ripristino dei terreni e del potenziale produttivo aziendale danneggiato e/o distrutto dal verificarsi di eventi avversi a carattere eccezionale, avversità atmosferiche, calamità naturali, comprese fitopatie ed infestazioni parassitarie; eventi catastrofici in conformità alla normativa comunitaria e nazionale vigente.
Gli interventi per il ripristino sono attuabili per danni causati da eventi avversi oggetto di formale riconoscimento da parte delle competenti autorità.
BeneficiariAgricoltori singoli od associati che esercitano attività di coltivazione del fondo, allevamento di animali e attività connesse ai sensi dell’articolo 2135 del codice civile.
Gli agricoltori associati sono identificati nelle società agricole di conduzione terreni.
Importi e aliquoteIl contributo è pari al 50% della spesa ammessa.
Il sostegno interverrà fino alla concorrenza del danno accertato considerando tutti gli eventuali altri interventi compensativi di indennizzo ed assicurativi, anche privati, riconosciuti per le medesime finalità ai sensi di altre norme vigenti a livello comunitario, nazionale e regionali.
Interventi ammissibiliSono ammessi interventi di ripristino degli impianti frutticoli, olivicoli, viticoli e delle strutture serricole danneggiati dalla tromba d'aria del 23, 28, 29 agosto 2020 nella provincia di Verona e del 29 agosto 2020 nella provincia di Vicenza, specificatamente nelle zone territoriali individuate dalle DGR n. 1577 del 17 novembre 2020.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, secondo quanto previsto dagli Indirizzi procedurali generali del PSR, di durata pari a 5 anni.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=452089

Imboschimento di terreni agricoli e non agricoli

Misura 8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste

Tipo intervento 8.1.1 – Imboschimento di terreni agricoli e non agricoli

Bando DGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)

Apri
TitoloImboschimento di terreni agricoli e non agricoli
Misura8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste
Tipo intervento8.1.1 – Imboschimento di terreni agricoli e non agricoli
ProvvedimentoDGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)
Data di pubblicazione02/07/2021
Data di scadenza30/09/2021
Risorse a bando1.700.000,00 euro
DescrizioneL’intervento intende incentivare la diffusione dell’arboricoltura da legno, al fine di ridurre gli effetti negativi causati dall’intensificazione dell’attività agricola.

BeneficiariSoggetti proprietari e/o gestori di terreni agricoli e non agricoli, così delineati:
• Soggetti privati
• Associazioni o Consorzi di privati
• Regole
• Comuni
• Associazioni di Comuni
• Unioni Montane/Comunità Montane
• Associazioni miste privati/Comuni
• Altre Amministrazioni pubbliche, di cui al decreto legislativo 30/03/2001, n. 165.
Sono considerati equiparati ai proprietari i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari all’80% della spesa ammessa.
La spesa massima ammissibile è pari a 5.000,00 €/ha.
La spesa sarà determinata sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale.
La spesa ammissibile deve essere pari o superiore a 2.500,00 €, fino ad un importo massimo di 40.000,00 €.
Interventi ammissibiliImboschimento temporaneo di terreni agricoli e non agricoli, a ciclo breve (turno maggiore di 8 anni e inferiore uguale a 20 anni).
Piantagioni di arboricoltura da legno (come definita dall’art. 2, comma 5 del D.Lgs 18 maggio 2001, n. 227 e ss.mm.ii., ai sensi dell’art. 31 della L.R. 5 aprile, 2013, n. 3), pure o miste, monocicliche, nonché con funzione di mitigazione e di adattamento al cambiamento climatico.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione di 8 anni (ciò indipendentemente dal turno dichiarato nel Piano di coltura).
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=452089

Investimenti innovativi per attrezzature, macchinari, strutture e impianti forestali

Misura 8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste

Tipo intervento 8.6.1 – Investimenti in tecnologie forestali e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti forestali Focus Area 2A

Bando DGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1177 del 24 agosto 2021 e DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)

Apri
TitoloInvestimenti innovativi per attrezzature, macchinari, strutture e impianti forestali
Misura8 - Investimenti nello sviluppo delle aree forestali, miglioramento della redditività delle foreste
Tipo intervento8.6.1 – Investimenti in tecnologie forestali e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti forestali Focus Area 2A
ProvvedimentoDGR n. 897 del 30 giugno 2021 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1177 del 24 agosto 2021 e DGR n.1744 del 9 dicembre 2021)
Data di pubblicazione02/07/2021
Data di scadenza30/09/2021
Risorse a bando5.800.000,00 euro
DescrizioneL’intervento finanzia l’acquisto di attrezzature e macchinari forestali con particolare riferimento alle caratteristiche innovative, finalizzate alla riduzione dei costi di produzione, al miglioramento della qualità del prodotto e al miglioramento delle condizioni di sicurezza del lavoro e al contenimento degli impatti ambientali.
Sono inoltre finanziati investimenti per la realizzazione/acquisizione, ammodernamento tecnologico, razionalizzazione delle strutture e dei circuiti di commercializzazione e di impianti di lavorazione, trasformazione, commercializzazione, immagazzinamento dei prodotti legnosi.
Beneficiari• Micro, piccole e medie Imprese (PMI) definite ai sensi dell’allegato I del regolamento (UE) n.702/2014 della Commissione.

• Soggetti proprietari e/o gestori di aree forestali, così delineati:
- Soggetti privati
- Associazioni o consorzi privati
- Regole
- Comuni
- Associazioni di Comuni
- Unioni Montane /Comunità Montane, esclusivamente se gestori di aree forestali per conto dei Comuni
- Associazioni miste privati/Comuni.

Sono considerati equiparati ai proprietari: i conduttori con titolo di comproprietà, comunione legale, affitto, mezzadria, colonia parziaria, concessione.
Importi e aliquoteIl livello di aiuto è pari al 40% della spesa ammissibile.
La spesa deve essere determinata, qualora pertinente, sulla base del Prezzario Regionale Agroforestale approvato.
Interventi ammissibili• Acquisto macchinari per taglio, allestimento ed esbosco

• Acquisto di macchine, attrezzature, mezzi dedicati a:
- lavorazione del tondame,
- produzione di prodotti assortimentati semilavorati nei limiti riportati dal bando,
- trasporto in conto proprio, prevalentemente del legname tondo

• Acquisto di impianti fissi ed investimenti immateriali collegati all’uso di tali macchine

• Creazione e ristrutturazione straordinaria di piazzole attrezzate, nonché piazzali di deposito e ricovero per legname e mezzi produttivi presso l’azienda, compreso l’acquisto e l’installazione di essiccatoi per la stagionatura e la conservazione prevalentemente del legname tondo.

• Costruzione, l’acquisto e l’ammodernamento di immobili, prevalentemente destinati al trattamento del legname tondo, purché sussista un nesso diretto tra l’acquisto e gli obiettivi dell’operazione cofinanziata, secondo le modalità previste dal documento degli Indirizzi Procedurali Generali.

• Acquisto di terreni edificati e non, connesso all’investimento, prevalentemente destinati al trattamento del legname tondo, secondo le modalità previste dal documento degli Indirizzi Procedurali Generali.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione, di durata pari a:
- 5 anni per gli investimenti in infrastrutture e investimenti produttivi
- 3 anni per investimenti produttivi in dotazioni/attrezzature o per investimenti non produttivi, secondo quanto previsto alla sezione II, paragrafo 2.8.1 degli Indirizzi Procedurali Generali del PSR
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=452089

Indennità compensativa in zona montana

Misura 13 - Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici

Tipo intervento 13.1.1 - Indennità compensativa in zona montana

Bando DGR n. 319 del 18/03/2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)

Apri
TitoloIndennità compensativa in zona montana
Misura13 - Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici
Tipo intervento13.1.1 - Indennità compensativa in zona montana
ProvvedimentoDGR n. 319 del 18/03/2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)
Data di pubblicazione26/03/2021
Data di scadenza25/06/2021
Risorse a bando20.000.000,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nell’erogazione di un’indennità intesa a compensare gli agricoltori dei costi aggiuntivi e della perdita di reddito derivanti dagli svantaggi che ostacolano la produzione agricola nella zone montane
BeneficiariAgricoltori (art. 9 Reg. 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità.
Importi e aliquoteL’aiuto viene determinato sulla base della SAU ammissibile in zona montana (SOI), applicando la combinazione dei fattori di svantaggio derivanti da altitudine e pendenza media aziendale, distinte tra aziende zootecniche e altre aziende.
Interventi ammissibiliIndennità erogata attraverso un aiuto per ettaro di Superficie Agricole Utilizzata (SAU) in zona montana svantaggiata
ImpegniProsecuzione dell’attività agricola in zona montana per l’anno di presentazione della domanda di aiuto;

Nel caso di aziende zootecniche: condurre superfici foraggere utilizzate per l’allevamento per un periodo minimo di 3 mesi l’anno e seminativi destinati all’alimentazione del bestiame, correlati al carico minimo per ettaro di 0,2 UBA a partire da una consistenza minima aziendale di 1 UBA;

Utilizzo delle superfici foraggere per l’allevamento, coerentemente con le esigenze pascolative e/o foraggere dell’allevamento, per un periodo di tre mesi, compreso tra maggio e ottobre.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=443953

Impegni pluriennali – domande di conferma (periodo 2007-2013 e prima del 2012)

Misura 221 (periodo 2007-2013) - 6 e 8 (periodo 2000-2006)

Tipo intervento 221.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 177 del 16 febbraio 2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)

Apri
TitoloImpegni pluriennali – domande di conferma (periodo 2007-2013 e prima del 2012)
Misura221 (periodo 2007-2013) - 6 e 8 (periodo 2000-2006)
Tipo intervento221.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 177 del 16 febbraio 2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)
Data di pubblicazione26/02/2021
Data di scadenza25/06/2021
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini per il 2021 delle domande di conferma relative agli impegni pluriennali di cui alla Misura 8 Imboschimento del PSR 2000-2006, per gli impegni ancora in essere relativi al regolamento (CEE) n. 2080/92, nonché per gli impegni assunti negli anni 2008, 2009, 2010 e 2011, relativi alla misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli del PSR 2007-2013.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=441663

Impegni pluriennali – domande di conferma Misura 10 e Misura 11 (DGR n.435 del 2017, n. 396 del 2018 e n. 376 del 2019)

Misura 10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica

Tipo intervento 10.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 178 del 16 febbraio 2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)

Apri
TitoloImpegni pluriennali – domande di conferma Misura 10 e Misura 11 (DGR n.435 del 2017, n. 396 del 2018 e n. 376 del 2019)
Misura10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica
Tipo intervento10.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 178 del 16 febbraio 2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)
Data di pubblicazione26/02/2021
Data di scadenza25/06/2021
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini di presentazione delle domande di conferma per l’anno 2021 per alcuni tipi d’intervento della misura 10 Pagamenti agroclimatico ambientali e 11 Agricoltura biologica, relative ai bandi approvati con DGR n. 435/2017, n. 396/2018 e n. 376/2019 del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato dei Bandi: DGR n. 435/2017, n. 396/2018 e n. 376/2019
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=441664

Impegni pluriennali - domande di conferma (DGR n. 465 del 2016 e n. 440 del 2015)

Misura 10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica

Tipo intervento 10.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 179 del 16 febbraio 2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)

Apri
TitoloImpegni pluriennali - domande di conferma (DGR n. 465 del 2016 e n. 440 del 2015)
Misura10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica
Tipo intervento10.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 179 del 16 febbraio 2021 (prorogata con DGR n. 737 dell'8/06/2021)
Data di pubblicazione26/02/2021
Data di scadenza25/06/2021
Risorse a bando40.000.000,00
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini di presentazione delle domande di conferma per il sesto e il settimo anno per alcuni tipi d’intervento della misura 10 Pagamenti agroclimatico ambientali e 11 Agricoltura biologica, relative ai bandi approvati con DGR n. 465/2016 e DGR n. 440/2015 del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato dei Bandi: DGR n. 465/2016 e DGR n. 440/2015
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=441665

Aiuti per prevenire i danni della fauna selvatica

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.4.3 - Strutture funzionali all’incremento e alla valorizzazione della biodiversità naturalistica

Bando DGR n. 319 del 18/03/2021

Apri
TitoloAiuti per prevenire i danni della fauna selvatica
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.4.3 - Strutture funzionali all’incremento e alla valorizzazione della biodiversità naturalistica
ProvvedimentoDGR n. 319 del 18/03/2021
Data di pubblicazione26/03/2021
Data di scadenza15/06/2021
Risorse a bando500.000,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento è finalizzato alla prevenzione dei danni recati alle produzioni agricole e zootecniche dalla fauna selvatica ed in particolare dai grandi carnivori, contribuendo così alla coesistenza delle diverse specie e alla salvaguardia della biodiversità.
Beneficiari Agricoltori (art.4 reg. 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità

Importi e aliquote L’intensità dell’aiuto è pari al 100% della spesa ammissibile; l’importo massimo ammissibile per domanda è pari a 5.000 euro.

Interventi ammissibili• Recinzioni elettrificate semipermanenti, a rete o a filo, per la protezione del bestiame al pascolo;
• Recinzioni elettrificate mobili, a rete, con supporti in materiale sintetico, per la protezione del bestiame al pascolo;
• Recinzioni metalliche fisse, con o senza elettrificazione, per la protezione del bestiame al pascolo in aree limitate;
• Dissuasori acustici e/o luminosi.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione di 3 anni.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=443953

Consulenza per le aziende agricole

Misura 2 - Servizio di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Tipo intervento 2.1.1 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte delle aziende

Bando DGR n.1790 del 22/12/2020 (prorogata con DGR n. 542 del 27/04/2021)

Apri
TitoloConsulenza per le aziende agricole
Misura2 - Servizio di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole
Tipo intervento2.1.1 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte delle aziende
ProvvedimentoDGR n.1790 del 22/12/2020 (prorogata con DGR n. 542 del 27/04/2021)
Data di pubblicazione08/01/2021
Data di scadenza07/06/2021
Risorse a bando8.050.000 euro
DescrizioneL’intervento 2.1.1 sostiene la realizzazione di servizi di consulenza, erogati da Organismi di Consulenza (OC) selezionati alle imprese agricole, con la finalità di stimolarne la competitività e guidarle verso un miglioramento nella gestione sostenibile dei fattori di produzione e un incremento delle performance economiche ed ambientali.

BeneficiariOrganismi di consulenza privati o pubblici
Interventi ammissibiliIl bando prevede il finanziamento di 34 diversi “percorsi di consulenza” riferiti a 10 diversi “ambiti di consulenza” previsti dal PSR Veneto.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-psr-veneto-dgr-1790-del-22-dicembre-2020

Pacchetto giovani - Primo insediamento

Misura 6 - Sviluppo delle imprese agricole

Tipo intervento 6.1.1 - Insediamento di giovani agricoltori

Bando DGR n.1790 del 22/12/2020 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1066 del 3/08/2021 e n. 1177 del 24/08/2021)

Apri
TitoloPacchetto giovani - Primo insediamento
Misura6 - Sviluppo delle imprese agricole
Tipo intervento6.1.1 - Insediamento di giovani agricoltori
ProvvedimentoDGR n.1790 del 22/12/2020 (Integrazione finanziaria con DGR n. 1066 del 3/08/2021 e n. 1177 del 24/08/2021)
Data di pubblicazione08/01/2021
Data di scadenza08/05/2021
Risorse a bando14.760.000 di euro
DescrizioneL’intervento sostiene il ricambio generazionale favorendo l’insediamento di giovani agricoltori che diano vita ad attività imprenditoriali.
L’intervento consiste nell’attivazione di pacchetti aziendali integrati costituiti da diversi interventi del Programma coordinati tra loro da un piano aziendale.
Oltre al primo insediamento, sono attivabili il tipo d’intervento 4.1.1 per il miglioramento delle prestazioni dell’azienda agricola e tipo d’intervento 6.4.1 per la diversificazione delle attività aziendali.
BeneficiariGiovani agricoltori che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di capo dell’azienda.
Importi e aliquotePremio per l’insediamento di 40.000 euro
Impegni• presentare richiesta di anticipo pari all’80% dell’aiuto corredata da una polizza fideiussoria pari al 100% del valore dell’anticipo entro e non oltre 120 giorni dalla pubblicazione del decreto di concessione dell’aiuto;
• iniziare l’attuazione del piano aziendale dopo la presentazione della domanda di aiuto e, comunque, entro 9 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV
• non deve variare la superficie e la struttura iniziale dell’azienda se non previsto nel piano aziendale;
• concludere il piano aziendale entro 36 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV;
• diventare “agricoltore attivo” entro 18 mesi dalla data di insediamento, pena la revoca degli aiuti concessi;
• aderire, nel periodo di esecuzione del piano aziendale, ad almeno una azione di formazione e/o ad almeno una consulenza a valere sulle sottomisure 1.1 e 2.1 del PSR;
• conseguire, se non esistente alla data di presentazione della domanda, la sufficiente capacità professionale entro 36 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV (se previsto dal piano aziendale);
• acquisire, entro 36 mesi dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV, la qualifica di imprenditore agricolo professionale, pena la revoca degli aiuti concessi;
• condurre l’azienda per almeno cinque anni decorrenti dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV
• tenere una contabilità aziendale per un periodo minimo di 5 anni dalla data di pubblicazione del decreto di concessione sul BURV
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-psr-veneto-dgr-1790-del-22-dicembre-2020

Pacchetto Giovani - Investimenti aziendali (intervento collegato)

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola

Bando DGR n.1790 del 22/12/2020

Apri
Collegato al bandoPacchetto giovani – Primo insediamento
TitoloPacchetto Giovani - Investimenti aziendali (intervento collegato)
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.1.1 - Investimenti per migliorare le prestazioni e la sostenibilità globali dell’azienda agricola
ProvvedimentoDGR n.1790 del 22/12/2020
Data di pubblicazione08/01/2021
Data di scadenza08/05/2021
Risorse a bando15.000.000 di euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nel sostegno agli investimenti strutturali e dotazionali nelle aziende di giovani agricoltori neo insediati che consentano di:
• migliorare la redditività dell’impresa, condizione necessaria per potenziare la competitività dell’agricoltura;
• favorire innovazione, differenziazione di prodotto, nuove forme di commercializzazione;
• aumentare l’integrazione territoriale delle imprese mediante la riduzione degli impatti negativi dell’agricoltura sull’ambiente;
• favorire la crescita delle aziende;
• di favorire l’approvvigionamento di energia per autoconsumo con il duplice scopo di incrementare la produzione regionale di energia di origine rinnovabile e, contemporaneamente, di ridurre le emissioni gassose in atmosfera generate dall’attività di allevamento degli animali ovvero da impianti alimentati da fonti fossili.
BeneficiariGiovani agricoltori beneficiari del premio di primo insediamento
Importi e aliquoteImprese agricole condotte da giovani (entro 5 anni dall’investimento): 40% per investimenti per trasformazione e commercializzazione; 60% per altri investimenti in zona montana; 50% per altri investimenti nelle restanti zone.
Interventi ammissibiliinterventi di miglioramento fondiario; costruzione di fabbricati per la produzione; acquisto con ristrutturazione di fabbricati per la produzione; ristrutturazione di fabbricati per la produzione;
• investimenti per l’eliminazione e sostituzione dell’amianto; investimenti strutturali ed impianti per lo stoccaggio dei residui agricoli; acquisto di macchine e attrezzature; acquisto di macchine e attrezzature per la riduzione dell’impatto ambientale, il miglioramento del benessere animale e la conservazione del suolo; investimenti per la produzione di energia, a esclusivo uso aziendale;
• investimenti per la depurazione delle acque reflue derivanti dall’attività di trasformazione dei prodotti;
• investimenti finalizzati alla difesa attiva per proteggere le coltivazioni dagli effetti negativi degli eventi meteorici estremi e dai danni derivanti dagli animali selvatici e a proteggere gli allevamenti dall’azione dei predatori;
• investimenti in hardware e software finalizzati all’adozione di nuove tecnologie; spese generali previste dagli Indirizzi procedurali generali (ad eccezione dei costi per gli studi di fattibilità).
ImpegniIl beneficiario degli aiuti:
1) deve condurre l’azienda per almeno cinque anni decorrenti dalla data di pubblicazione del decreto di concessione del contributo sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto;
2) deve tenere una contabilità aziendale, per un periodo minimo di 5 anni dalla data di pubblicazione del decreto di concessione del contributo sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto;
3) deve mantenere, almeno per il periodo di stabilità delle operazioni finanziate, pena la revoca degli aiuti concessi, le condizioni previste al paragrafo 3.2, numero 4.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-psr-veneto-dgr-1790-del-22-dicembre-2020

Pacchetto Giovani - Diversificazione delle imprese agricole (intervento collegato)

Misura 6 - Sviluppo delle imprese agricole

Tipo intervento 6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole

Bando DGR n.1790 del 22/12/2020

Apri
Collegato al bandoPacchetto giovani – Primo insediamento
TitoloPacchetto Giovani - Diversificazione delle imprese agricole (intervento collegato)
Misura6 - Sviluppo delle imprese agricole
Tipo intervento6.4.1 - Creazione e sviluppo della diversificazione delle imprese agricole
ProvvedimentoDGR n.1790 del 22/12/2020
Data di pubblicazione08/01/2021
Data di scadenza08/05/2021
Risorse a bando1.500.000 euro
DescrizioneAttività extra-agricole: trasformazione di prodotti; fattoria sociale; fattoria didattica; ospitalità agrituristica in alloggi o in spazi aziendali aperti quali agri-campeggi; turismo rurale; servizi ambientali svolti dall’impresa agricola per la cura e manutenzione di spazi non agricoli.
BeneficiariGiovani agricoltori beneficiari del premio di primo insediamento
Importi e aliquoteSpesa ammissibile per ristrutturazione e ammodernamento dei beni immobili: 50% in zone montane, 40% in altre zone; per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature, acquisto o sviluppo di programmi informatici, realizzazione di siti internet e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore, marchi commerciali: 45% in zone montane, 35% in altre zone.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-psr-veneto-dgr-1790-del-22-dicembre-2020

Sostegno agli agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19

Misura 21 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19

Tipo intervento 21.1.1 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19

Bando DGR n. 206 del 24 febbraio 2021

Apri
TitoloSostegno agli agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19
Misura21 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19
Tipo intervento21.1.1 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19
ProvvedimentoDGR n. 206 del 24 febbraio 2021
Data di pubblicazione26/02/2021
Data di scadenza29/03/2021
Risorse a bando626.428,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste in un sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori per fronteggiare i problemi di liquidità che mettono a rischio la continuità delle attività e la redditività delle imprese agricole che soffrono maggiormente della crisi derivante dall’emergenza sanitaria da COVID-19
BeneficiariSoggetti non finanziati ai sensi della DGR 1234/2020, rientranti nelle categorie:
imprenditori agricoli professionali che operano nel campo del turismo rurale;
imprenditori agricoli professionali produttori di almeno una delle colture/varietà della voce Radicchio di cui all’allegato tecnico 11.2, riportata dal piano colturale 2019 vendute nel primo semestre 2020;
imprenditori agricoli professionali che nel piano colturale 2020 abbiano indicato genericamente Orticole e che sono in grado di documentare di aver prodotto una delle colture/varietà riportate alle voci Lattuga, Cicoria, Lattuga e lattughino e Radicchio Asparago e Fragola nell’allegato tecnico 11.2
Importi e aliquoteIl sostegno viene erogato alle imprese beneficiarie come importo forfettario differenziato per ciascuna produzione/attività connessa/ubicazione. L’importo massimo erogabile è di 7.000,00 euro per impresa beneficiaria:

Turismo rurale: 5.000,00 euro
Coltivazione di almeno una delle colture/varietà riportata alla voce Radicchio e presenti in piano colturale a Fascicolo nel periodo 15.05.2019-31.12.2019 : 2.500,00 euro
Coltivazione di almeno una delle colture/varietà riportate alle voci Lattuga, Cicoria, Lattuga e lattughino, Radicchio, Asparago e Fragola con presenza in piano colturale a Fascicolo tra il 01/01/2020 e il 09/07/2020 di codifica generica di orticole: 2.500,00 euro
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=441897

Sostegno agli agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19

Misura 21 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19

Tipo intervento 21.1.1 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19

Bando DGR n. 1234 del 01/09/2020

Apri
TitoloSostegno agli agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19
Misura21 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori e PMI particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19
Tipo intervento21.1.1 - Sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori particolarmente colpiti dalla crisi COVID-19
ProvvedimentoDGR n. 1234 del 01/09/2020
Data di pubblicazione04/09/2020
Data di scadenza19/10/2020
Risorse a bando23.000.928,00 euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste in un sostegno temporaneo eccezionale a favore di agricoltori per fronteggiare i problemi di liquidità che mettono a rischio la continuità delle attività e la redditività delle imprese agricole che soffrono maggiormente della crisi derivante dall’emergenza sanitaria da COVID-19
Beneficiari• Agricoltori;
• Cooperative agricole di produzione che svolgono come attività principale la coltivazione del terreno e/o allevamento di animali.
Importi e aliquoteIl sostegno viene erogato alle imprese beneficiarie come importo forfettario differenziato per ciascuna produzione/attività connessa/ubicazione. L’importo massimo erogabile è di 7.000,00 euro per impresa beneficiaria.

• Produzione florovivaistica: 4.000,00 euro
• Produzione latte vaccino: 2.000,00 euro
• Allevamento del vitello a carne bianca: 2.000,00 euro
• Agriturismo, fattorie didattiche o fattorie sociali: 4.000,00 euro
• Imprese agricole di Vò euganeo: 7.000,00 euro
• Coltivazione di radicchi primaverili, lattughe, asparago, fragola: 2.000,00 euro
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=427423

Aiuti per prevenire i danni della fauna selvatica

Misura 4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali

Tipo intervento 4.4.3 - Strutture funzionali all’incremento e alla valorizzazione della biodiversità naturalistica

Bando DGR n. 382 del 31/03/2020

Apri
TitoloAiuti per prevenire i danni della fauna selvatica
Misura4 - Investimenti in immobilizzazioni materiali
Tipo intervento4.4.3 - Strutture funzionali all’incremento e alla valorizzazione della biodiversità naturalistica
ProvvedimentoDGR n. 382 del 31/03/2020
Data di pubblicazione03/04/2020
Data di scadenza30/07/2020
Risorse a bando500.000 euro
DescrizioneIl tipo di intervento è finalizzato alla prevenzione dei danni recati alle produzioni agricole e zootecniche dalla fauna selvatica ed in particolare dai grandi carnivori, contribuendo così alla coesistenza delle diverse specie e alla salvaguardia della biodiversità.
BeneficiariAgricoltori (art.4 reg. 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità
Importi e aliquoteL’intensità dell’aiuto è pari al 100% della spesa ammissibile; l’importo massimo ammissibile per domanda è pari a 5.000 euro.
Interventi ammissibili• Recinzioni elettrificate semipermanenti, a rete o a filo, per la protezione del bestiame al pascolo;
• Recinzioni elettrificate mobili, a rete, con supporti in materiale sintetico, per la protezione del bestiame al pascolo;
• Recinzioni metalliche fisse, con o senza elettrificazione, per la protezione del bestiame al pascolo in aree limitate;
• Dissuasori acustici e/o luminosi.
ImpegniA partire dal pagamento del saldo al beneficiario, deve essere rispettato un periodo di stabilità dell’operazione di 3 anni.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-dgr-382-31-marzo-2020

Indennità compensativa in zona montana

Misura 13 - Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici

Tipo intervento 13.1.1 - Indennità compensativa in zona montana

Bando DGR n. 382 del 31/03/2020

Apri
TitoloIndennità compensativa in zona montana
Misura13 - Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici
Tipo intervento13.1.1 - Indennità compensativa in zona montana
ProvvedimentoDGR n. 382 del 31/03/2020
Data di pubblicazione03/04/2020
Data di scadenza15/06/2020
Risorse a bando20.000.000 euro
DescrizioneIl tipo di intervento consiste nell’erogazione di un’indennità intesa a compensare gli agricoltori dei costi aggiuntivi e della perdita di reddito derivanti dagli svantaggi che ostacolano la produzione agricola nella zone montane
BeneficiariAgricoltori (art. 9 Reg. 1307/2013), secondo specifici criteri di ammissibilità.
Importi e aliquoteL’aiuto viene determinato sulla base della SAU ammissibile in zona montana (SOI), applicando la combinazione dei fattori di svantaggio derivanti da altitudine e pendenza media aziendale, distinte tra aziende zootecniche e altre aziende.
Interventi ammissibiliIndennità erogata attraverso un aiuto per ettaro di Superficie Agricole Utilizzata (SAU) in zona montana svantaggiata
ImpegniProsecuzione dell’attività agricola in zona montana per l’anno di presentazione della domanda di aiuto;

Nel caso di aziende zootecniche: condurre superfici foraggere utilizzate per l’allevamento per un periodo minimo di 3 mesi l’anno e seminativi destinati all’alimentazione del bestiame, correlati al carico minimo per ettaro di 0,2 UBA a partire da una consistenza minima aziendale di 1 UBA;

Utilizzo delle superfici foraggere per l’allevamento, coerentemente con le esigenze pascolative e/o foraggere dell’allevamento, per un periodo di tre mesi, compreso tra maggio e ottobre.
Scarica il bandohttps://www.regione.veneto.it/web/agricoltura-e-foreste/bandi-dgr-382-31-marzo-2020

Impegni pluriennali - domande di conferma (periodo 2007-2013 e prima del 2012)

Misura 221 (periodo 2007-2013) - 6 e 8 (periodo 2000-2006)

Tipo intervento 221.0 - Vedi bando

Bando DGR n.145 del 14 febbraio 2020

Apri
TitoloImpegni pluriennali - domande di conferma (periodo 2007-2013 e prima del 2012)
Misura221 (periodo 2007-2013) - 6 e 8 (periodo 2000-2006)
Tipo intervento221.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n.145 del 14 febbraio 2020
Data di pubblicazione21/02/2020
Data di scadenza15/06/2020
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini per il 2020 delle domande di conferma relative agli impegni pluriennali di cui alla Misura 6 Agroambiente azione 6 CE ed alla Misura 8 Imboschimento del PSR 2000-2006, per gli impegni ancora in essere relativi al regolamento (CEE) n. 2080/92, nonché per gli impegni assunti negli anni 2008, 2009, 2010 e 2011, relativi alla misura 221 Primo imboschimento dei terreni agricoli.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=414443

Impegni pluriennali - domande di conferma (DGR n.440 del 2015)

Misura 10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica

Tipo intervento 10.0 - Vedi bando

Bando DGR n.146 del 14 febbraio 2020

Apri
TitoloImpegni pluriennali - domande di conferma (DGR n.440 del 2015)
Misura10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica
Tipo intervento10.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n.146 del 14 febbraio 2020
Data di pubblicazione21/02/2020
Data di scadenza15/06/2020
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini di presentazione delle domande di conferma per il sesto anno per alcuni tipi d’intervento della misura 10 Pagamenti agroclimaticoambientali e 11 Agricoltura biologica, relative ai bandi approvati con DGR n. 440/2015 del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato del bando DGR n.440 del 2015.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=414444

Impegni pluriennali - domande di conferma (DGR 465/2016, DGR 435/2017, DGR 396/2018, DGR 376/2019)

Misura 10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica

Tipo intervento 10.0 - Vedi bando

Bando DGR n. 148 del 14 febbraio 2020

Apri
TitoloImpegni pluriennali - domande di conferma (DGR 465/2016, DGR 435/2017, DGR 396/2018, DGR 376/2019)
Misura10 - Impegni agro-climatico-ambientali e 11 - Agricoltura biologica
Tipo intervento10.0 - Vedi bando
ProvvedimentoDGR n. 148 del 14 febbraio 2020
Data di pubblicazione21/02/2020
Data di scadenza15/06/2020
Risorse a bandoGià stanziate con i precedenti provvedimenti
DescrizioneIl provvedimento dispone l’apertura dei termini di presentazione delle domande di conferma per l’anno 2020 per alcuni tipi d’intervento della misura 10 Pagamenti agroclimaticoambientali e 11 Agricoltura biologica, relative ai bandi approvati con DGR n. 465/2016, n. 435/2017, n. 396/2018 e n. 376/2019 del Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020.
BeneficiariSoggetti che hanno beneficiato dei bandi: DGR 465/2016, DGR 435/2017, DGR 396/2018, DGR 376/2019.
Scarica il bandohttps://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioDgr.aspx?id=414446

web e social media Policy - privacy policy - informativa sul trattamento dei dati personali PSR Veneto 2014-2020

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi