PAC 2023 – 2027

La Regione del Veneto e il processo di definizione del Piano Strategico Nazionale per l’attuazione della Politica Agricola Comune (PAC) 2023-2027 delineata dall’Unione Europea.

9 obiettivi PAC

A partire dal 2019 la Regione del Veneto è impegnata a portare il proprio contributo nelle attività di definizione del quadro normativo e di programmazione del Piano Strategico Nazionale (PSN) per la PAC 2023-2027, ai fini della successiva attuazione nel territorio regionale.

In un quadro normativo non ancora definito e consolidato, il Mipaaf, in collaborazione con le Regioni e Province autonome – e con il supporto della Rete Rurale Nazionale – ha infatti coordinato le attività per presentare entro il 31 dicembre 2021 una prima versione del Piano Strategico PAC 2023-2027 per l’Italia.

La Commissione europea ha valutato il Piano e trasmesso all’Italia alcune osservazioni.
Il Mipaaf sta lavorando per fornire alla Commissione tutte le informazioni supplementari necessarie.

Il percorso nazionale verso il Piano strategico PAC

Proposta Piano Strategico Nazionale – PAC (Italia)

Lo sviluppo rurale 2023-2027 in Veneto

Nel PSN PAC 2023-2027 per l’Italia gli interventi di sviluppo rurale sono programmati nella forma di “interventi nazionali con specifiche regionali”, in grado di accogliere le differenziazioni regionali fondate sulle specificità economiche, sociali e territoriali che connotano i sistemi agricoli, agroalimentari e forestali e le aree rurali.

In coerenza con il dettato costituzionale, il PSN PAC per l’Italia stabilisce che siano le Regioni a programmare e a gestire gli interventi di sviluppo rurale- con l’unica eccezione degli interventi relativi alla gestione del rischio, che sono a programmazione e gestione nazionale.

Ogni Regione programma in “Complementi regionali per lo Sviluppo Rurale 2023-2027” le proprie scelte strategiche, gli interventi di sviluppo rurale del PSN PAC che intende attivare nel proprio territorio, l’articolazione delle risorse finanziarie assegnate, il dettaglio delle specifiche regionali.

MAGGIORI INFORMAZIONI

La proposta veneta per il Piano Strategico Nazionale PAC

Nel corso del 2020 le strutture regionali coordinate nella Rete PAC2030 hanno elaborato un quadro strategico, composto da 70 interventi che sono stati considerati in grado di rispondere alle esigenze e ai fabbisogni rilevati dalla Conferenza regionale dell’agricoltura e dello sviluppo rurale  e in grado di contribuire al perseguimento degli obiettivi della PAC 2021-27.

Gli interventi proposti per il PSN PAC riguardano sia il primo pilastro (pagamenti diretti; interventi settoriali) che il secondo pilastro (sviluppo rurale).

A partire da queste proposte, è stato avviato un confronto diretto e partecipato con il Tavolo di Partenariato PAC2030, attraverso un’apposita consultazione online, introdotta da un webinar dedicato in cui sono stati presentati gli elementi di insieme del quadro strategico.

La proposta veneta per il PSN PAC, integrata con gli esiti della consultazione, è rappresentata nel documento Quadro strategico: elenco e descrizione degli interventi proposti.

Gli esiti della consultazione e i dati relativi alla partecipazione del partenariato, invece, sono oggetto di ulteriori Report.

Nei lavori coordinati dal Mipaaf le strutture regionali hanno assicurato la valorizzazione dei documenti strategici regionali, partecipando direttamente alle attività di elaborazione del PSN PAC per la PAC 2023-2027 per rappresentare il posizionamento della Regione del Veneto.

Documenti

 

Webinar “La proposta veneta per il Piano strategico nazionale PAC 2021-2027” – 30 ottobre 2020

SCOPRI DI PIU”

 

L’agricoltura veneta verso il 2030

La Regione del Veneto ha attivato già a partire dal 2018 un percorso partecipato per definire la futura politica regionale, attraverso la Conferenza regionale dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale. 

La Conferenza, che ha identificato i fabbisogni e le priorità del sistema agricolo e rurale, è stata realizzata in collaborazione con il CREA-Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia  (PD) e le Università di Padova, Venezia e Verona, tenendo conto delle prospettive europea e nazionale per la Politica Agricola Comune (PAC) post 2020 e del programma di governo della Regione.

Nell’ambito del Congresso finale del 21 giugno 2019 è stato presentato il quadro delle priorità regionali  “L’agricoltura veneta verso il 2030”, definito anche sulla base delle proposte formulate dal Partenariato attraverso una consultazione online.

La Giunta regionale, con la Deliberazione n. 1297 del 10 settembre 2019, ha preso atto degli esiti della Conferenza regionale e della funzione strategica del documento finale “L’Agricoltura veneta verso il 2030”, che rappresenta la strategia per lo sviluppo del settore primario e delle aree rurali del Veneto

Scopri di più

 

 

 

Le priorità dell’agricoltura veneta

Convegno conclusivo – Conferenza regionale (21 giugno 2019)

 

I regolamenti della PAC 2023-2027

 

Il giugno 2018 la Commissione europea ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio dell’UE un pacchetto di tre regolamenti che definiscono l’impianto del quadro normativo per la PAC dopo il 2020. Le proposte della Commissione europea sono state approvate a fine 2021 dal Parlamento e dal Consiglio dell’UE.

Il regolamento 2021/2115  introduce e definisce  il nuovo approccio proposto dalla Commissione (New delivery model). Lo strumento previsto per concretizzare questa nuova impostazione è il Piano Strategico Nazionale, attraverso il quale vengono programmati ed attivati i principali strumenti della PAC con il sostegno finanziario del FEAGA (pagamenti diretti e interventi settoriali) e del FEASR (sviluppo rurale).

Il riferimento temporale della nuova PAC è stato aggiornato al 2023-2027, anziché al 2021-2027, a seguito del  Regolamento UE 2020/2220 del Parlamento e del Consiglio UE del 23 dicembre 2020 che stabilisce le disposizioni transitorie relative al sostegno da parte del FEASR e del FEAGA negli anni 2021 e 2022.

I Piani Strategici della PAC dei 27 Stati membri in questo modo potranno essere predisposti ed entrare in vigore il 1 gennaio 2023: il  “nuovo quadro giuridico” coprirà quindi il periodo che inizia il 1 gennaio 2023 e termina il 31 dicembre 2027.

 

Regolamento (UE) 2021/2115 – sostegno ai piani strategici che gli Stati membri devono redigere nell’ambito della politica agricola comune (piani strategici della PAC)

Regolamento (UE) 2021/2116 sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga il regolamento (UE) n. 1306/2013

Regolamento (UE) 2021/2117 che modifica i regolamenti (UE) n. 1308/2013 recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli, (UE) n. 1151/2012 sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari, (UE) n. 251/2014 concernente la definizione, la designazione, la presentazione, l’etichettatura e la protezione delle indicazioni geografiche dei prodotti vitivinicoli aromatizzati

Link esterni

 

 

Green Deal europeo

A novembre 2019 la Commissione UE ha pubblicato una Comunicazione sul Green Deal europeo. L’obiettivo ambizioso è quello di far diventare l’Europa il primo continente a impatto climatico zero, con l’obiettivo della neutralità climatica dell’UE entro il 2050.

La Comunicazione sollecita tutti gli attori interessati ad adottare soluzioni per ridurre le emissioni di tutti i settori produttivi, sviluppare fonti di energia più pulite e tecnologie verdi, sviluppare un’economia realmente circolare e proteggere la biodiversità  e indirizza a queste priorità le future politiche di intervento.

Nell’ambito del Green Deal europeo, a fine maggio 2020 la Commissione ha reso pubbliche due importanti strategie che rendono operativi alcuni dei principali obiettivi legati ai sistemi alimentari, alla sostenibilità dell’agricoltura e alla conservazione delle risorse naturali: la strategia Dal Produttore al Consumatore (A Farm to Fork strategy, for a fair, healthy and environmentally-friendly food system) e la Strategia sulla Biodiversità per il 2030 (EU Biodiversity strategy for 2030).

La Commissione UE si è impegnata a formulare raccomandazioni per ciascuno Stato membro per quanto riguarda i nove obiettivi specifici della PAC 2021-2027, prima che le proposte di Piani strategici siano presentate formalmente, prestando particolare attenzione al conseguimento degli obiettivi del Green Deal, della strategia “Dal produttore al consumatore” e della Strategia sulla Biodiversità per il 2030.

 

 

 

 

 

Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile

Strategia Regionale per lo sviluppo sostenibile

Le proposte legislative della Commissione Europea confermano che la PAC post 2020 sarà fortemente orientata a promuovere ed assicurare  la sostenibilità del settore agricolo, anche in funzione dell’“Agenda 2030 sullo Sviluppo Sostenibile” adottata nel 2015 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

L’obiettivo è quello di promuovere e realizzare uno sviluppo economico e sociale in grado di  assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità di soddisfare quelli delle generazioni future, con riferimento anche ai 17 “goals” e ai 169 “target” indicati dall’Agenda ONU 2030.

A livello nazionale, l’Agenda è stata recepita nel 2017 dalla Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile (SNSvS). Anche la Regione del Veneto ha adottato una Strategia Regionale per lo Sviluppo Sostenibile (SRSvS), attraverso i quali sono stati individuati i principali strumenti per contribuire al raggiungimento degli obiettivi della Strategia Nazionale e i “goals” dell’ Agenda ONU 2030, con un approccio integrato e trasversale ai diversi aspetti interessati.

 

 


Social Media Policy PSR Veneto 2014-2020

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi