23 Aprile 2019

Progetti di cooperazione: 6 milioni di euro per interventi agroambientali

Aperti i bandi per la gestione attiva di infrastrutture verdi e la tutela degli habitat seminaturali, riservati agli interventi previsti dai progetti di cooperazione (Misura 16).

Le risorse stanziate per i due bandi ammontano complessivamente a 6 milioni di euro.

 

Tipo intervento 10.1.3 – Gestione attiva di infrastrutture verdi 

L’intervento promuove la gestione attiva di “infrastrutture verdi”, ovvero di formazioni lineari arboreo- arbustive come le fasce tampone e le siepi con connessa fascia erbacea di rispetto e boschetti naturalistici messi a dimora esclusivamente attraverso il Tipo di intervento 4.4.2, finanziati e realizzati nell’ambito dei Progetti di Cooperazione, di cui al Tipo di intervento 16.5.1 del Bando DGR n. 2112/2017.

Beneficiari: agricoltori (articolo 4, Reg. UE n. 1307/2013).

Scadenza: 15 giugno 2019 (prorogata)

Risorse a bando: 4 milioni di euro

Interventi ammissibili: corridoi ecologici (siepi e fasce tampone), boschetti.

Durata degli impegni: 5 anni dalla presentazione della domanda di aiuto.


Tipo intervento 10.1.6 – Tutela e incremento degli habitat seminaturali

L’intervento promuove la gestione attiva di prati umidi/zone umide e della rete idraulica minore esclusivamente realizzati o riqualificati con i Tipi di intervento 4.4.2 e 4.4.3 nell’ambito dei Progetti di Cooperazione finanziati dal Bando DGR n. 2112/2017, volti alla riqualificazione ambientale della rete idraulica minore e all’introduzione di Prati umidi e zone umide. È compresa anche la possibile conversione a prato delle superfici seminative al fine di mantenere e consolidare l’efficacia degli investimenti non produttivi realizzati nell’ambito dei Pro.Co. (Dgr 2112/2017).

Beneficiari: agricoltori (articolo 4, Reg. UE n. 1307/2013).

Scadenza: 15 giugno 2019 (prorogata)

Risorse a bando: 2 milioni di euro

Interventi ammissibili: gestione sostenibile di prati umidi e zone umide; gestione sostenibile della rete idraulica minore, che distingue i seguenti possibili interventi collegati: mantenimento della rete idraulica minore (obbligatorio); conversione a prato di superfici a seminativi (solo per interventi di riqualificazione della rete idraulica minore).

Durata degli impegni: 5 anni dalla presentazione della domanda di aiuto.

 

ACCEDI AI BANDI


PSR Veneto 2014-2020