23 Agosto 2019

Nuovi indirizzi regionali per regolare l’utilizzo dei prodotti fitosanitari e tutelare la salute pubblica

Abbiamo da poco approvato un importante provvedimento che prosegue e consolida un percorso di sostenibilità volto, da un lato, a favorire una convivenza civile tra cittadini e agricoltori, dall’altro, a garantire un elevato livello di tutela della salute dell’uomo e dell’ambiente circostante.

Le disposizioni approvate, derivano da un attento lavoro di affinamento delle linee di indirizzo già ratificate nel 2016 per un corretto impiego delle sostanze fitosanitarie e della proposta di regolamento comunale che le Amministrazioni locali possono adottare per adempiere alle indicazioni previste dal PAN (Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari) nelle aree agricole ed extra agricole frequentate dalla popolazione o da gruppi vulnerabili.

Le importanti novità contenute nella proposta di Regolamento comunale, consentiranno alle Amministrazioni locali, di concerto con le ULSS competenti per territorio di individuare le zone da tutelare con la nuova definizione di “Siti Altamente Sensibili” che sono le strutture collettive frequentate in maniera continuativa e prolungata da soggetti in età evolutiva, che costituiscono un sottogruppo di popolazione particolarmente vulnerabile ai possibili effetti sulla salute dei prodotti fitosanitari. Sono, ad esempio, ricompresi in questa categoria i Servizi educativi per l’infanzia, le Scuole per l’infanzia, le Scuole primarie, le Scuole secondarie di I e II grado, le Comunità educative, riabilitative e terapeutiche per minori, i parchi gioco per bambini, i centri estivi e i centri parrocchiali.

Allo stesso tempo, è stata introdotta anche la tutela delle abitazioni i cui residenti sono soggetti alla possibile deriva di prodotto fitosanitario, che può originarsi durante la distribuzione nelle aree adiacenti.  Sono in tal modo definite, una serie minima e inderogabile, di azioni gestionali che l’operatore deve assicurare per evitare lo sviluppo di deriva nei pressi di aree frequentate dalla popolazione.

Da ultimo, il provvedimento, dispone di un fac-simile che, in caso di nuovi impianti o di reimpianti di vigneti e frutteti, l’agricoltore deve inviare al Comune e all’ULSS competente per territorio al fine di informare dell’intenzione di mettere a dimora nuove coltivazioni arboree permanenti.

La dichiarazione delle aree oggetto di impianto permetterà alle Amministrazioni comunali e all’ULSS di esprimersi, se ritenuto, mediante un parere preventivo sulle modalità e sulle distanze di rispetto da mantenere nei pressi di aree frequentate dalla popolazione, siti altamente sensibili e abitazioni confinanti maggiormente restrittive rispetto a quanto già definito negli Indirizzi regionali per un corretto impiego dei prodotti fitosanitari già approvati.

Con l’approvazione di questi nuovi “Indirizzi” la Regione Veneto intende dunque tutelare la salute dei cittadini e allo stesso tempo individuare regole che consentano agli agricoltori di esercitare la propria attività di impresa, nel rispetto però della sostenibilità ambientale e sociale.

Il provvedimento è frutto del confronto con il sistema di governance istituito dal Programma Regionale per un Settore Vitivinicolo Sostenibile, che ha tenuto conto anche delle osservazioni e del confronto con le altre strutture regionali competenti e con i portatori di interesse, tra cui l’Associazione dei Comuni del Veneto, le Organizzazioni Professionali Agricole, le Associazioni ambientaliste (WWF e Legambiente), le Università, il CRA-VE, l’ARPAV, l’AVEPA, Condifesa regionale, l’AVISP, le rappresentanze dei Consorzi di Tutela e del mondo della cooperazione.

 

Giuseppe Pan

Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca

Regione del Veneto


Social Media Policy PSR Veneto 2014-2020