27 Gennaio 2022

Presentata la proposta italiana di Piano Strategico Nazionale della PAC 2023-2027

Care Lettrici e Lettori,

il 31 dicembre 2021 il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali ha trasmesso alla Commissione Europea la proposta di Piano Strategico Nazionale (PSN) Italia per la PAC 2023-2027. Come già sapete, la proposta comprende una strategia unitaria per il settore agricolo, alimentare e forestale, che integra gli strumenti specifici della PAC (pagamenti diretti, organizzazioni comuni di mercato, sviluppo rurale) con quanto previsto da ulteriori strumenti di sostegno (PNRR, FSE+, FESR, FSC).  

La strategia nazionale include sostanzialmente anche il quadro strategico veneto, sul quale abbiamo avuto modo di raccogliere le conferme e le osservazioni del Partenariato regionale durante lo scorso anno.

Come il Ministero ha voluto sottolineare più volte, si tratta di una versione del documento che avrà bisogno di numerose e importanti modifiche ed integrazioni, molte delle quali dipenderanno dalle decisioni sul riparto dei fondi FEASR tra le Regioni, dalle “regole di condominio” per l’attuazione del Piano (al fine di non disperdere risorse messe a disposizione per l’Italia) e dalle valutazioni della Commissione europea sulle scelte proposte.

 

Occorre inoltre tenere conto del fatto che gli interventi per lo sviluppo rurale, declinati in 76 schede “nazionali con specifiche regionali”, rappresentano la somma delle differenti esigenze territoriali e necessitano di un lavoro di modifica e integrazione dei vari strumenti di sostegno, anche in considerazione del fatto che molti contenuti sono stati definiti precipitosamente solo negli ultimi giorni.

I regolamenti europei prevedono che la Commissione ora possa formulare osservazioni entro tre mesi dalla data di presentazione della proposta di Piano strategico. Successivamente, lo Stato membro dovrà fornire alla Commissione tutte le informazioni supplementari necessarie e, se del caso, rivedere il piano proposto, affinché possa essere valutato positivamente e approvato.

 

Pur in assenza dell’entità delle risorse FEASR regionali a cui poter fare affidamento per la programmazione, la Regione del Veneto ha assicurato la valorizzazione in sede nazionale dei documenti strategici regionali, sulla base degli esiti della Conferenza regionale dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale e del quadro strategico validato dalla consultazione online del Tavolo regionale di partenariato PAC2030. Per fare questo, nel solo quarto trimestre del 2021 sono stati presidiati 82 incontri Mipaaf/Regioni, a cui ha fatto seguito l’invio di 63 documenti di posizionamento della Regione del Veneto.

E’ importante ribadire che i 76 interventi di sviluppo rurale previsti ad oggi nella proposta di PSN PAC non rappresentano il quadro strategico veneto, ma la somma delle differenti esigenze territoriali di tutte le Regioni e le Province autonome italiane.

Questo significa che non tutti gli interventi di sviluppo rurale, né tutti i contenuti dei singoli interventi rappresentano la proposta veneta per lo sviluppo del settore agroalimentare e delle aree rurali. 

 

Il quadro strategico regionale a cui fare riferimento, ancor più alla luce di risorse che si prevedono limitate e inferiori – anche proporzionalmente – a quelle 2014-2022, rimane quello già presentato e oggetto di confronto con il Tavolo regionale di partenariato PAC2030. 

Nel corso del 2022 il quadro strategico veneto sarà declinato in un documento di programmazione regionale, che verrà elaborato in parallelo al PSN PAC Italia e sul quale verrà ulteriormente coinvolto il Tavolo regionale di partenariato PAC2030.

I lavori per questa nuova fase sono già stati avviati e nei prossimi mesi ci sarà di nuovo modo di coinvolgere in modo diretto i rappresentanti del sistema agricolo, agroalimentare e forestale del Veneto. 

 

Al nostro impegno nel presidiare in tutti i tavoli le esigenze del sistema rurale regionale, aggiungeremo quello di assicurare un’informazione tecnica di accompagnamento, per spiegare una Politica agricola comune per molti aspetti inedita rispetto al passato.

 

Federico Caner 

Assessore ai Fondi UE, Turismo, Agricoltura e Commercio estero

Regione del Veneto


Social Media Policy PSR Veneto 2014-2020

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi